< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • February 2003
    M T W T F S S
    « Feb   Mar »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    2425262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/02/2003

    Condoglianze senza commozione

    Filed under: — JE6 @ 09:33

    Ho sempre avuto l’impressione che Alberto Sordi interpretasse tanto bene il peggio degli italiani non grazie al suo talento di attore, quanto alla sua intima natura umana. Insomma, gli veniva bene perchè impersonava sè stesso. Forse è per questo (vado a memoria, ma magari mi sbaglio) che, parlando del suo lavoro, non lo definiva mai “satirico”. La satira presuppone distanza umana, etica, intellettuale, di valore, rispetto al bersaglio. Sordi non mirava al bersaglio, era il bersaglio. Mi duole dirlo, ma sono d’accordo con Veneziani (a parte le fesserie sui romani – sorry: no web, no link): non era l’italiano che vorremmo essere. E quindi, condoglianze. Ma, per me, senza commozione.

    Leave a Reply