< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • March 2003
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/03/2003

    Filed under: — JE6 @ 13:57

    Being Michael Douglas?
    E va bene, distraiamoci: quest’anno cade il ventennale della commercializzazione del primo telefono portatile, il Motorola DynaTac, amichevolmente definito “Il mattone”. Cade una lacrima di nostalgia, non tanto per questo oggetto contundente il cui fresco design era ispirato ad una scatola di scarpe (è vero, e d’altra parte basta un’occhiata per rendersene conto), quanto per i diciassette anni che avevo allora. Resta da capire cosa abbia spinto l’omino di Corriere.it che sceglie le immagini da affiancare agli articoli a scegliere il Michael Douglas di Wall Street. Perchè rovinare tutto così?

    Filed under: — JE6 @ 12:05

    Una ventata di ottimismo
    Da
    alcune conferenze stampa del weekend: “La parte più dura deve ancora arrivare” (Gen. Richard Myers), “E’ importante che i cittadini americani realizzino che questa guerra è appena iniziata” (Mr. George W. Bush), “In termini di strategia complessiva, siamo soltanto nelle fasi iniziali” (sempre lui).

    Filed under: — JE6 @ 11:21

    Quelli che in crisi non ci vanno mai
    Stando a “La Stampa“, il fatturato dell’industria militare italiana è arrivato, nel 2001, a 8.5 miliardi di Euro (quasi il 12% in più rispetto al 2000), e alcune aziende tricolori (Iveco-Oto Melara, Aermacchi e Agusta) sono tra le migliori al mondo nel loro settore. 50.000 italiani portano a casa lo stipendio grazie alla produzione di armi e sistemi correlati all’utilizzo militare.