< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • March 2003
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/03/2003

    Filed under: — JE6 @ 17:04

    A me, però, piacciono
    Sottoscrivo parola per parola il post di Luca. Non se ne può più di essere etichettati nel modo feroce e insensato così in voga in questi tempi bui. Però, maledizione, le bandiere sono belle. Tutte, davvero (omaigod, forse non propro tutte: ad esempio, quella con la svastica…). Mi piacciono, mi piace vederle sventolare, mi piacciono come simboli, mi piace ricordarle e cercare di riconoscerle, così come faccio con le magliette delle squadre di calcio. Mai fatto caso alla felicità di un bambino che sventola la sua bandierina?

    Filed under: — JE6 @ 14:05

    Ecco, proprio quello che volevamo
    “I ritratti del rais a ruba, a molti neonati imposto il suo nome: nei Territori la popolarità del leader iracheno è al massimo – Saddam è un eroe per i palestinesi”. Qui.

    Filed under: — JE6 @ 13:30

    E chi sono io, Babbo Natale?
    Dato che George Dabliu chiede 75 miliardi di dollari per pagare i prossimi sei mesi di guerra, fra i senatori americani c’è chi pensa che debba essere messo un limite al pozzo delle spese o delle mancate entrate. E così, costringendo Mr. President ad una sconfitta politica molto rara, soprattutto in tempi di guerra, 51 senatori hanno votato un emendamento alla legge di bilancio, per ridurre i tagli alle tasse previsti per i prossimi dieci anni da 726 a 350 miliardi di dollari. “Non è buona politica proporre tagli di questo genere, quando si ha un deficit di 300 miliardi di dollari, si è in guerra e non si sa quanto questa costerà“: lo ha detto il senatore John Breaux, ma avrebbe potuto dirlo anche l’impiegato che vende i biglietti per i tram in Market Street a San Francisco.

    Filed under: — JE6 @ 10:14

    Non si salva neanche lo Zecchino d’Oro
    Se in Italia si dovessero seguire le direttive dell’autorità britannica di vigilanza sulle telecomunicazioni, “quarantaquattro gatti in fila per tre col resto di due” potrebbe richiamare l’immagine di uno squadrone di fanti in movimento verso Bagdad. E quindi, non potrebbe essere trasmessa. Cercherò di spiegarlo a mia figlia, stasera.