< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 10:55

    Gli uomini sono tutti uguali
    Non ho mai pensato, se non sotto l’effetto di sostanze lecitamente dopanti, che i blogger siano un’avanguardia composta da eletti, in grado di guidare la massa verso sorti magnifiche e progressive.
    Il modo in cui ci si scambiano attacchi personali, insulti, malignità, disinteressati consigli di rivolgersi a psicanalisti possibilmente costosi, mi fa pensare che la blogosfera non è altro che l’ennesimo specchio del mondo che creiamo ogni giorno. Niente di meno, ma certo niente di più.
    Finchè ci si trastulla con pompose amenità tipo “come le statistiche degli accessi modificano il modo di scrivere sul proprio blog”, beh, va tutto bene: si crea un idilliaco microcosmo, composto da signori in bombetta e signore in crinoline, che sorseggiano amabilmente una bibita fresca discettando dei massimi sistemi. Siamo persino disposti a darci ragione l’un l’altro.
    Quando si arriva a parlare di politica, i blogger (anche quelli di gran nome, anche quelli che hanno tanti link, anche quelli che hanno tanti accessi) discutono esattamente come gli avventori del barbiere di via Ugo Betti, o come i frequentatori del Processo di Biscardi.
    Il fenomeno è già stato analizzato – con la consueta proprietà – da B. Georg. Al momento, non ho molto da aggiungere (le riflessioni arriveranno tra un po’), se non che nel suo post mancava un po’ di malinconia. Ecco, se posso, quella la metto io.