< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 12:35

    Questo nick è proprio bello
    The Enforcer. Ecco come mi dovrei chiamare, stando al DJ Name Generator, segnalato da FFWD. Stando al mio dizionario, The Enforcer è colui/colei che fa rispettare, fa osservare, impone qualcosa. A guardare il bicchiere mezzo pieno, è il ritratto di un bravo ometto law&order. Ne parlerò con mia figlia, sempre che mi voglia ascoltare.

    Filed under: — JE6 @ 09:07

    Fast thinking, slow acting?
    OninO la butta lì con leggerezza: si possono far coesistere la velocità di pensiero e di reazione magnificate da J.L. Orihuela, con la voglia di silenzio e di osservazione del mondo reale con la quale Michele Marziani giustifica la (temporanea, si spera) chiusura del suo blog?
    Per me, sì. Ma vorrei tornare sopra alla convinzione che il mondo reale sta “fuori”, e per viverlo bisogna avere 48 pennarelli colorati invece che un computer (acceso).

    Filed under: — JE6 @ 08:59

    Parlare di politica, parlare di prodotti
    Scena di vita vissuta. Dopo aver rischiato più volte il taglio di un orecchio, ed aver costretto il fido barbiere a qualunque tipo di acrobazia forbicistica a causa della mia inusuale agitazione, mi dirigo verso la cassa per pagare. Il signore con il quale ho intessuto una discussione a distanza (lui su una poltrona, io su quella a fianco) sulla condanna a Previti, blocca il rasoio, gira finalmente la testa e mi dice con aria grave: “Lei, che è di sinistra, si faccia l’esame di coscienza, chè se non ce ne accorgevamo noi in Friuli, loro mica ci dicevano niente delle scorie di Chernobyl. Questo è il comunismo!”.
    Ecco, in Italia, di politica, si discute così. Dal barbiere, in ufficio, negli studi televisivi (barberìe dotate di telecamere), in Parlamento. Si uniscono due tecniche: la focalizzazione sui punti deboli, sulle incoerenze, sulle mancanze dell’avversario, e il salto da palo in frasca. Non si parla mai delle cose buone fatte dalla parte politica che si sostiene e dei vantaggi di cui il popolo italiano godrebbe nel seguire una certa linea politica: si preferisce darci dentro con la sistematica distruzione della posizione altrui. Non si dice perchè sia bene votare A, si dice perchè sia male votare B.
    Non solo: si preferisce non “restare sulla notizia” e discutere solamente di un unico tema, ma si passa consapevolmente a tutt’altro pur di avere un qualche tipo di vantaggio dialettico, anche se il secondo (ed il terzo, ed il quarto) tema scelto non ha nulla a che fare con il primo. Previti-Chernobyl, per intenderci.
    Ora, facciamo questo esercizio. Guardiamo, con la dovuta predisposizione al supplizio, una qualsiasi puntata di “Porta a porta” o di “Ballarò”. Arriviamo al primo break pubblicitario, e studiamo gli spot. I messaggi che passano sono positivi, sottolineano le superiori performance del prodotto, stimolano sensazioni di benessere e gratificazione, inducono a pensare che chi usa quel bene o quel servizio conduca una vita migliore, più serena, comoda, tranquilla e ricca di soddisfazioni. Con la sola eccezione dei carrier telefonici (e neanche tutti), nel nostro paese i comunicatori di marketing non usano la pubblicità comparativa, non la mettono in rissa, non parlano dei concorrenti.
    Adesso, torniamo a Vespa e Floris. Noi siamo sempre gli stessi, ma questi signori ci parlano in tutt’altro modo. Eppure, il loro obiettivo dovrebbe essere lo stesso: convincerci della bontà del loro “prodotto”. Chi è che sta sbagliando?