< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Per saperne di più
  • All’inizio del mondo
  • “What’s up, fellas”
  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 13:18

    Marketing, denaro ed etica del blog
    Non molto tempo fa, Paolo Valdemarin ha postato un bell’esempio di utilizzo “business” dello strumento blog. Ieri, GGG ha postato una riflessione sull’utilizzo del blog come advertising media. La gran parte di noi conosce di persona altri esempi di blog che, pur essendo magari partiti con altri scopi, si sono trasformati in veicoli promozionali capaci di generare ritorni economici tangibili: questo, questo e, secondo alcuni, anche questo.
    Insomma, con i blog si possono fare i soldi. Tanti o pochi, non so, ed in fondo non è nemmento tanto importante. Si possono fare in prima persona (ergo, i soldi vanno in tasca al blogger), ma si possono fare anche in modo indiretto, sfruttando il consenziente blog altrui (ergo, comprando uno spazio pubblicitario sotto forma di banner, interstitial, pop-up e così via).
    Credo che questa sia una delle naturali evoluzioni dello strumento-blog.
    Ma sono convinto che, non appena la cosa prenderà un po’ piede, si scatenerà l’ennesima querelle, tra sostenitori della purezza del blog e del blogging, ed assertori della liceità della sua commerciabilità.
    Fin da ora, per quel che può interessare, mi dichiaro neneista: nè con gli uni, nè con gli altri.

    Leave a Reply