< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 16:12

    Bandiere
    Ancora su blog e denaro, in particolare quello che potrebbe venire dalla presenza di banner pubblicitari nei blog.
    E’ solo questione di tempo. Tra non molto, la blogosfera sarà abbastanza ampia, ed abbastanza frequentata, da essere valutata con attenzione dai pubblicitari. Alcuni blog saranno (almeno per quantità di accessi) l’equivalente di Canale 5 e Rai Uno, altri corrisponderanno a Telelombardia, Videolina e TeleNorba, altri si fermeranno al livello del giornale della parrocchia.
    Ci saranno strumenti più sofisticati di analisi e profilazione dei navigatori, si faranno indagini sulle loro propensioni politiche e su quelle di acquisto, si definiranno segmenti di natura socio-psico-demografica.
    Si stenderanno listini, nei media center nasceranno divisioni specializzate per vendere pubblicità sui blog.
    Insomma, si farà – nè più nè meno – tutto ciò che si fa con la televisione, con la radio, con la stampa, con il web, con le affissioni, con il direct mailing, con qualunque strumento di comunicazione.
    A quel punto, molti di noi (parlo di semplici cittadini, non di blogger) inizieranno a nutrire nei confronti dei blog e dei bloggers la stessa diffidenza che oggi nutrono nei confronti dei mass media, ritenuti – più o meno a ragione – schiavi della pubblicità, e quindi poco affidabili. Forse sarà quello il momento in cui qualcuno si darà da fare per far nascere il figlio del blog, puro come solo i bambini sanno e possono essere.