< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 11:48

    Storia di Jayson, e di come si chiede scusa
    Sempre a proposito della credibilità di un mezzo di comunicazione.
    Jayson Blair era un reporter del NYT. Vi ha lavorato per quattro anni, fino a quando è stato costretto a dimettersi. Il motivo? Blair, come dice l’articolo del giornale che gli passava lo stipendio alla fine del mese, “lascia una lunga scia di menzogna” dietro di sè. Ha prefabbricato commenti, ha inventato luoghi, ha rubato e sfruttato materiale proveniente da altri giornali ed agenzie, ha selezionato dettagli da fotografie per dare l’impressione di essere stato di persona in luoghi dove non aveva mai messo piede. Il tutto, per scrivere articoli sugli argomenti più svariati, dagli assassinii del cecchino di Washington al dolore delle famiglie dei soldati caduti in Iraq.
    Il NYT descrive come e cosa ha fatto Blair. Ma non scarica la colpa solo sulle spalle del suo ex collaboratore. Ammette che Blair è stato facilitato dalla carenza di comunicazione interna tra i responsabili di redazione, e dall’incapacità di capire che alcuni comportamenti di Blair erano il segno di una condotta non professionale.
    Il NYT, da oggi, è un giornale meno credibile? Per quanto può valere la mia opinione, no.
    Ha avuto il coraggio di guardarsi dentro, di ammettere le proprie magagne, di chiedere scusa pubblicamente.
    Ha avuto il coraggio di riconoscere di non essere stato all’altezza delle legittime aspettative dei suoi lettori, e di essere venuto meno alle regole base della professione giornalistica.
    Ha avuto il coraggio di mettersi sotto i riflettori, e di far sì che ci sia ancora maggiore attenzione alla correttezza ed alla veridicità di quanto andrà a pubblicare da oggi in futuro.
    Ha avuto il coraggio di provare a fare il proprio lavoro meglio di come l’ha fatto fino ad oggi.
    P.S. Suppongo che la fonte principale delle entrate del NYT sia la pubblicità. Basta andare a vedere il sito.