< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2003
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/05/2003

    Filed under: — JE6 @ 15:27

    Davanti al trenino dei giardini
    Uscendo dalla fermata di metropolitana, si vede il sole. E si vedono bambini in maglie variopinte, cani svagati, e signori che leggono libri di filosofia, seduti in abiti più antichi di loro. I bimbi si arrampicano sulle spalle dei padri, e guardano con stupore il pagliaccio che parla con un accento lontano, e gli occhi delle mamme si illuminano contemplando di nascosto la gioia primordiale dei figli.
    La giostra gira, i padri fanno conti e scuotono la testa, i bimbi vogliono salire sull’aereo e poi sul cavallo, e poi tutti riescono a spostarsi, tenendosi per mano, verso il piccolo ponte sul laghetto. I bimbi vedono solo i pesci che si accalcano su pezzi di pane ormai sciolti, le mamme li tengono stretti perchè non si gettino, ed i padri vedono i piatti di plastica dispersi sul fondo.
    Le mani dei bimbi sprofondano nuovamente in quelle dei genitori, ed i loro piccoli piedi si muovono decisi verso il trenino. Quello dove salgono insieme alla mamma, gridando di gioia ad ogni passaggio, salutando il papà con la mano, facendo ciao ai Puffi, ed a Bambi, ed ai sette nani. Il padre osserva due nonni, appoggia le spalle ad una parete di legno stinto e tarlato, e organizza pensieri da battere su una tastiera.
    Cinque giri! Ancora! Ma passano due pony, e bimbi e mamme e padri corrono per guardarli e salutarli; i bimbi dicono “è stato bello”, le mamme ed i padri si stringono di nascosto la mano, ed il buio della metropolitana che si avvicina non fa paura, ma è solo un’altra avventura di mezz’ora, che li aspetta in questa domenica di vita comune a Milano.