< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • June 2003
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/06/2003

    Filed under: — JE6 @ 21:46

    Giorno di festa
    In mezzo al campo sono almeno ventidue, forse qualcuno di più. Hanno le magliette tutte uguali, come le squadre vere, i portieri calzano i guanti, ed a volte i pantaloncini con le imbottiture. Tutt’intorno, sono centinaia, famiglie, gruppi di amici, alcuni portano gli ombrelloni da mare e quasi tutti bottiglie e cibi. Giocatori e spettatori sembrano non soffrire il caldo, sotto la corazza della loro pelle olivastra e dei loro capelli di fil di ferro. I bambini corrono, la partita sembra, e forse è, solo un pretesto per trovarsi, figli di un altro continente nel suo giorno di libertà.
    A poca distanza, sull’asfalto del capolinea degli autobus si radunano decine di furgoni che hanno centinaia di migliaia di chilometri sulle gomme, e centinaia di uomini e donne che portano e ritirano pacchi. Gli indirizzi, scritti con pennarelli a punta larga sul cartone degli imballaggi, parlano, attraverso le strane forme di un altro alfabeto, di paesi lontani e freddi, di campi di grano, scorie radioattive, soldati e giocatori di calcio. Sulle panchine del vialetto che porta alla fermata della metropolitana, gruppi di donne siedono, ridono, si confidano, si scambiano indirizzi, tirano fuori dalle borse i sofferti soldi che servono a mantenere figli lasciati troppi anni fa, e che passeranno di mano in mano e di confine in confine fino ad arrivare, forse, a bambini diventati ormai grandi.
    Sul viale passano due anziane signore. Una si copre con un ombrellino da sole.

    Filed under: — JE6 @ 14:18

    Surrogato
    Non sono andato al Telefilm Festival. In compenso, il mi’ babbo (sant’uomo) mi ha dato qualcosa come sedici ore dell’ultima stagione di ER. Registrando, si è persino preso cura di tagliare gli stacchi pubblicitari.
    Ventilatore e bottiglia di spuma. Si parte.
    Oh, si è appena ripresentata la dottoressa Susan Lewis. E chi si muove, da qui?

    Filed under: — JE6 @ 14:12

    Braccia (davvero) rubate all’agricoltura
    In questo momento, MTV sta trasmettendo un set live di Morgan. Sì, Bluvertigo, Asia Argento, Andrea Pezzi, proprio lui. Hm. Già detto tutto nel titolo del post, credo.