< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • Tuta blu
  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • Le cose, passano?
  • Accumuli
  • August 2003
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/08/2003

    Filed under: — JE6 @ 15:24

    Lunedì, in allegato a Squonk
    Domani, insomma. Un post al giorno, da lunedì a venerdì, viaggi di lavoro permettendo. Si andrà avanti qualche settimana.
    Parlo di “On The Blog”, testoni, avete presente? La storia costruita sulle risposte ad un post-sondaggio di tanto tempo fa… ecco, quella cosa lì.
    Allora, metto subito le mani avanti: non sono riuscito ad usare tutte le risposte. Scusate, è che non son scrittore, ho discreta ma non illimitata fantasia. Insomma, non si offenda nessuno, per piacere.
    La storia è quella che è, ricordate che non son scrittore, che il plot non è autobiografico e cercate di essere clementi.
    Non scrivete complimenti tanto per farlo, ho un ego già abbastanza sviluppato.
    Segnalatemi tutti gli avverbi di modo (xxxmente) inutili che trovate, Stephen King ve ne sarà grato.
    Qualcuno si troverà citato magari solo con il titolo del blog, a qualcun altro ho “rubato” righe intere. A qualcuno ho cambiato sesso. Bon, ci sono cose peggiori, dai.
    Un ringraziamento particolare a due ignari collaboratori: Gianluca Neri e Miss BlackCat; il primo mi ha dato il personaggio narrante, nei cui panni mi sono calato senza chieder permesso. La seconda… boh, in questo momento non so ancora come andrà a finire la storia, però son contento che si sposi tra poco, così mi evito commenti ironici.
    Domani, il prologo.

    Filed under: — JE6 @ 15:06

    Cose da non fare durante le vacanze (2)
    Indossare la T-shirt del proprio blog ed avventurarsi in spiegazioni agli amici che chiedono informazioni.
    Suggerimento: stare vicini all’amico fan dei Genesis, che senza saper nulla di blog e dintorni, conferma che Squonk è una canzone del 1976, contenuta in “A Trick Of The Tail”.

    Filed under: — JE6 @ 15:03

    Cose da non fare durante le vacanze
    Pensare al blog ed ai blogger, e parlarne con la moglie.

    Filed under: — JE6 @ 15:02

    Cose da fare durante le vacanze
    Pensare al blog ed ai bloggers, senza dire nulla alla moglie.

    Filed under: — JE6 @ 15:00

    Titoli di testa
    Si riprende, gente.

    01/08/2003

    Filed under: — JE6 @ 11:25

    Titoli di coda
    Mi dovrei profondere in ringraziamenti personalizzati, ma cercate di capire che l’elenco – davvero – sarebbe troppo lungo. E rischierei di dimenticare qualcuno, e son cose che non si devono fare.
    Sapete, questa mattina avevo in testa una serie di belle frasi da pesticchiare con ardore sulla tastiera. Come spesso capita, sono evaporate lungo i sette chilometri che mi separano dall’ufficio. Stando alle teorie del Sommo Marquèz, non era roba buona, e quindi son contento di non ammorbarvi.
    Allora, frugo nelle tasche e trovo poco. Accontentatevi, viandanti ed avventori dello Squonk Store. La lampada a strisce rosse e bianche rimane accesa, ed anche la sedia di vimini rimane al suo posto (Sab, ogni tanto lasciala libera). E’ stato un piacere incontrarvi, sarà un piacere ritrovarvi.
    A bos menzus bidere.
    [Dimenticavo: lunedì 1 settembre, prima puntata di “On The Blog”, racconto breve basato sull’ormai vetusto sondaggio “Come hai detto che ti chiami?”. Che dura vita, si va in vacanza e si continua a lavorare]

    Filed under: — JE6 @ 08:45

    A sud di dove
    [Grazie a Carlo per aver smosso i ricordi di viaggio]
    Ad Ankara, a due passi dal Museo degli Ittiti, c’è la cittadella vecchia. Ci si entra quasi per caso, perchè non è quel che si dice un posto per turisti. Non ho idea di come fosse la Turchia cinquanta o cento anni fa, ma non doveva essere molto dissimile da quello che si vede in questo quartiere arroccato sulla collina. Se guardi in basso, vedi il brulicare delle automobili, il mausoleo di Ataturk, palazzi e grattacieli; dietro di te, case piccole, buie, tetti improbabili, capre che girano libere nei vicoli, fogne a cielo aperto. Quello che si potrebbe definire il sud, nel sud del mondo.
    Ad Atlanta, a due passi da downtown, dalla sede della CNN e della Coca-Cola, parte un lungo viale che, in poche centinaia di metri, ti infila nel vecchio ghetto nero. A seguirlo, si arriva alla casa di Martin Luther King, una piccola villetta di legno, circondata da un microgiardino. Alle tue spalle, il tipico skyline americano, fatto di grattacieli, cristalli, e più sotto limousine e negozi e dollari; di fronte, altre case con le finestre infrante, l’ostello YMCA, vecchi e ragazzi seduti sui tre scalini dell’entrata di casa. Quello che si potrebbe definire il sud, nel nord del mondo.
    Insomma, c’è sempre un sud nel quale vivere. Spesso, è un sud senza nord.