< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • The Game
  • La casa vuota della sinistra
  • Ci serve comunque un motivo
  • I’ll see you on the dark side of the moon
  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • September 2003
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/09/2003

    Filed under: — JE6 @ 09:05

    Binari
    Negli ultimi anni, ho preso l’aereo con una certa frequenza. Non da pendolare dei cieli, ma insomma.
    Mi piace volare. Mi piace, se posso, arrivare in aereoporto con un po’ di anticipo, e sedermi a guardare i passeggeri che arrivano.
    Mi piace sedermi vicino al finestrino, e riempirmi di quotidiani, e leggere quei libri che a casa non ho nemmeno tempo di aprire (in effetti, c’è una sezione della libreria di casa dedicata ai “libri da viaggio”: da 350 pagine in su, vanno bene), e rendermi conto che a diecimila metri di altezza splende sempre il sole. Cose così.
    Ma non riesco a togliermi la brutale nostalgia del treno. Le stazioni, l’odore che vi si respira, la ritmica dello sferragliamento, il poter guardare nelle finestre delle case di Lambrate, il poter guardare il paesaggio che cambia senza il timore di staccare lo sguardo dalla strada che ti viene quando guidi, l’infantile sensazione di “viaggiare davvero”, e la sottile malinconia nella quale è bello crogiolarsi per qualche ora.
    La più bella vacanza della mia vita: ottomila chilometri di treno grazie all’Inter Rail, tra operai belgi, studentesse tedesche, famiglie britanniche, dormendo nelle stazioni e rincorrendo vagoni in piena notte.
    Altri tempi. Questo pomeriggio, invece, mi tocca Malpensa.

    4 Responses to “”

    1. blackcat Says:

      Su, su, oggi sono il talismano dei viaggiatori… Almeno tu fai meno di trenta ore di volo, mon cher. E per meno tempo. Sigh.

    2. Squonk Says:

      Non sia triste, Felina. Poi torna, sa?

    3. Effe Says:

      Ma pensa…

    4. utente anonimo Says:

      Ci scriverai anche da là, vero?

    Leave a Reply