< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Bronci
  • Conoscerete la nostra velocità
  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • October 2003
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/10/2003

    Filed under: — JE6 @ 14:44

    Diritti acquisiti
    Giuseppina Corvino, 46 anni, lavoratrice del pubblico impiego. C’è anche lei nel corteo dei 200mila che da porta Venezia ha invaso Piazza Duomo (…) “Non partecipo sempre alle manifestazioni, ma questa volta non avrei rinunciato per nessuna ragione: sono orgogliosa del mio lavoro, ma dalla riforma delle pensioni di Berlusconi, non solo non ci guadagno, ma subisco un’ingiustizia. Ho fatto i miei conti: dovrò lavorare ancora 15 anni per prendere di meno (…) La pensione è un mio diritto e non trovo giusto che qualcuno lo modifichi senza che possa dire nulla. I contributi che ho versato non me li ha regalati nessuno”.
    Cara signora Corvino, data la sua età, il suo trattamento previdenziale è stato regolato dal sistema retributivo, che le dà diritto ad una pensione il cui importo è soltanto in parte legato ai contributi che lei ha versato. Questi, certo, non le sono stati regalati da nessuno. Ma la sua pensione non sarà pagata solo da quei contributi, come lei sa – o dovrebbe sapere. Ergo, lei si dovrebbe ritenere beneficiaria di un regalo, direi.
    Ecco, signora, mi piacerebbe che lei capisse questo: La storia delle pensioni vista dai ggiovani suona un po’ come una presa in giro; semplificando noi non c’eravamo quando furono decisi diritti che poi alla lunga si stanno rivelando insostenibili. Quelli che c’erano si sono presi dei diritti, non li mollano, e li scaricheranno praticamente su di noi; avremo il carico della nostra pensione e (un pochettino) di quelli che ci sono già andati.
    Questo permette di mantenere ben fermo il concetto di diritto acquisito: cioè il non cambiare nulla per chi è già in pensione. Ora, evitare il conflitto generazionale è sacrosanto. Però almeno metà per uno si potrebbe fare, no? Tipo quest’idea
    .
    Poi, quanto alla faccenda degli anni che le mancano per andare in pensione, ed all’età che lei avrà in quel momento. Mia moglie andrà in pensione a 60 anni. Sua nipote (spero che lei ne abbia almeno una), se sarà fortunata, farà altrettanto; altrimenti saranno 62, o 65. Per carità di patria, e per non rovinarmi definitivamente la digestione, preferisco non citare mia figlia, che ha dueannieottomesi. Guardi, non pretendo solidarietà tra generazioni. Ma un minimo di buon gusto, ecco, male non farebbe.
    Repubblica (off-line), GnuEconomy