< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • January 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/01/2004

    Perle ai porci

    Filed under: — JE6 @ 13:40

    Si dice così, no? Un dono prezioso a chi non sa, non è in grado, non vuole apprezzarne il valore.
    Capita a tutti, a volte si vestono i panni del donatore, altre quelli del pur simpatico suino grufolante. A volte è inevitabile, altre un po’ meno.
    Se mi avvicino ad un porcile, armato di perle lisce e luccicanti, e vi getto quel ben di Dio, posso poi stupirmi del fatto che non venga apprezzato? Hm. In qualche modo, me la sono andata a cercare.
    Se entro al Bar Mario e mi metto a parlare di filosofia con chi discetta di gnocca (mi si passino i francesismi, questo e quelli che eventualmente seguiranno), il meglio che mi può capitare è di trovare un Hegel in fieri che di solito si trastulla con la Juve e Jenna Jameson; e costui, probabilmente, si sentirà talmente in imbarazzo (la vergogna della “cultura”) da voltare lo sguardo e mimare con ancor maggiore trasporto come tratterebbe Jenna e le sue colleghe.
    Insomma, in generale ci vuole un po’ di coerenza tra contenitore e contenuto. Sapere con chi si parla, ed adeguare di conseguenza la comunicazione, è una di quelle regolette che a noi poveri markettari ci inculcano fin da piccoli: ma oggi, che non son più studentello, capisco che è puro e semplice buon senso. Banale, trito e ritrito, ma non per questo meno valido.
    Ecco perchè – ahi, quanto me ne dolgo – non riesco ad essere d’accordo con questo: “Porto già una maschera tutto il santo giorno, mi adatto a far conversazioni trite, a sorridere, a oliare i meccanismi di rapporti di convenienza, a parlare come magno, ma quando torno a casa o quando scrivo sul blog, no. Qui voglio essere me stessa, prendere o lasciare. E non dico “qui” in senso stretto. Dico: anche su Gnu“. No, secondo me non funziona così, se si è consapevoli che ciò che si sta scrivendo mal si adatta al luogo in cui si sta scrivendo.
    Sbaglio?
    Herzog, Shangri-La, GnuEconomy

    Filed under: — JE6 @ 13:38

    Perle ai porci
    Si dice così, no? Un dono prezioso a chi non sa, non è in grado, non vuole apprezzarne il valore.
    Capita a tutti, a volte si vestono i panni del donatore, altre quelli del pur simpatico suino grufolante. A volte è inevitabile, altre un po’ meno.
    Se mi avvicino ad un porcile, armato di perle lisce e luccicanti, e vi getto quel ben di Dio, posso poi stupirmi del fatto che non venga apprezzato? Hm. In qualche modo, me la sono andata a cercare.
    Se entro al Bar Mario e mi metto a parlare di filosofia con chi discetta di gnocca (mi si passino i francesismi, questo e quelli che eventualmente seguiranno), il meglio che mi può capitare è di trovare un Hegel in fieri che di solito si trastulla con la Juve e Jenna Jameson; e costui, probabilmente, si sentirà talmente in imbarazzo (la vergogna della “cultura”) da voltare lo sguardo e mimare con ancor maggiore trasporto come tratterebbe Jenna e le sue colleghe.
    Insomma, in generale ci vuole un po’ di coerenza tra contenitore e contenuto. Sapere con chi si parla, ed adeguare di conseguenza la comunicazione, è una di quelle regolette che a noi poveri markettari ci inculcano fin da piccoli: ma oggi, che non son più studentello, capisco che è puro e semplice buon senso. Banale, trito e ritrito, ma non per questo meno valido.
    Ecco perchè – ahi, quanto me ne dolgo – non riesco ad essere d’accordo con questo: “Porto già una maschera tutto il santo giorno, mi adatto a far conversazioni trite, a sorridere, a oliare i meccanismi di rapporti di convenienza, a parlare come magno, ma quando torno a casa o quando scrivo sul blog, no. Qui voglio essere me stessa, prendere o lasciare. E non dico “qui” in senso stretto. Dico: anche su Gnu“. No, secondo me non funziona così, se si è consapevoli che ciò che si sta scrivendo mal si adatta al luogo in cui si sta scrivendo.
    Sbaglio?
    Herzog, Shangri-La, GnuEconomy

    Cose che succedono

    Filed under: — JE6 @ 09:51

    Senza, peraltro, che se ne capisca il motivo. Mi trovo tra i referral questo link. Non sono citato, grazie a Dio, e gli unici elementi di contatto che ho con il contenuto dell’articolo sono un certo desiderio di andare a vedere il Tibet e la frequentazione di Winnie the Pooh. E allora, voi che ne sapete più di me, come si spiega un accesso a Squonk direttamente dall’articolo in questione?
    Repubblica.it

    Filed under: — JE6 @ 09:49

    Cose che succedono
    Senza, peraltro, che se ne capisca il motivo. Mi trovo tra i referral questo link. Non sono citato, grazie a Dio, e gli unici elementi di contatto che ho con il contenuto dell’articolo sono un certo desiderio di andare a vedere il Tibet e la frequentazione di Winnie the Pooh. E allora, voi che ne sapete più di me, come si spiega un accesso a Squonk direttamente dall’articolo in questione?
    Repubblica.it