< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • January 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/01/2004

    Lì nel mezzo

    Filed under: — JE6 @ 12:43

    Di fronte alle questioni televisive, si formano spesso due scuole di pensiero (debole, ça va sans dire): da un lato, coloro che, avendo ormai perso ogni tipo di fiducia tanto nel mezzo quanto nei suoi conducenti, rubricano tutto come un segno della decadenza dei tempi, e si augurano sconquassi capaci di riportare contenitore e contenuto ai bei tempi che furono: nobili, austeri, persino un po’ bigotti, certo sempre migliori di quelli odierni, smandrappati quant’altri mai.
    Dall’altra parte della barricata stanno sia coloro che, attribuendo allo strumento (flat screen, ventinove pollici) virtù taumaturgiche di spiegazione del mondo, considerano l’analisi dei palinsesti l’equivalente di un trattato di sociologia, sia coloro che, fedeli alla tradizione nazionale che ci vuole divisi e contrapposti in fazioni avverse, son ben contenti di poter appendere al balcone un lenzuolo che recita “io sto con Bonolis” ed avere al tempo stesso un argomento di discussione valido quanto le dimissioni di Moratti, da spendere nella propria Camera Cafè.
    Io, come sempre, tendo a stare nel mezzo: delle risse tra miliardari tendo a fregarmene bellamente, sentendomi quasi insultato tanto da quelli che credo essere i secondi fini delle risse medesime, quanto dallo straordinario spazio a loro dedicato; dall’altro, ho la sensazione (di questo si tratta, non ho ancora letto ponderosi tomi al riguardo) che davvero capire la televisione serva a capire (un po’) il mondo, e non mi va di fare lo snob che si ritira sull’Aventino – o a Capalbio, se va ancora di moda.
    E così, mi trovo a fare il voyeur, a sbirciare qui e là, per non sapere troppo e per evitare di non saperne nulla. Ecco, se qualcuno volesse psicanalizzarmi, oppure semplicemente farmi sapere che sì, siamo in tanti in mezzo al guado (e fors’anche al guano), beh, che si faccia avanti. Grazie.

    Filed under: — JE6 @ 12:43

    Lì nel mezzo
    Di fronte alle questioni televisive, si formano spesso due scuole di pensiero (debole, ça va sans dire): da un lato, coloro che, avendo ormai perso ogni tipo di fiducia tanto nel mezzo quanto nei suoi conducenti, rubricano tutto come un segno della decadenza dei tempi, e si augurano sconquassi capaci di riportare contenitore e contenuto ai bei tempi che furono: nobili, austeri, persino un po’ bigotti, certo sempre migliori di quelli odierni, smandrappati quant’altri mai.
    Dall’altra parte della barricata stanno sia coloro che, attribuendo allo strumento (flat screen, ventinove pollici) virtù taumaturgiche di spiegazione del mondo, considerano l’analisi dei palinsesti l’equivalente di un trattato di sociologia, sia coloro che, fedeli alla tradizione nazionale che ci vuole divisi e contrapposti in fazioni avverse, son ben contenti di poter appendere al balcone un lenzuolo che recita “io sto con Bonolis” ed avere al tempo stesso un argomento di discussione valido quanto le dimissioni di Moratti, da spendere nella propria Camera Cafè.
    Io, come sempre, tendo a stare nel mezzo: delle risse tra miliardari tendo a fregarmene bellamente, sentendomi quasi insultato tanto da quelli che credo essere i secondi fini delle risse medesime, quanto dallo straordinario spazio a loro dedicato; dall’altro, ho la sensazione (di questo si tratta, non ho ancora letto ponderosi tomi al riguardo) che davvero capire la televisione serva a capire (un po’) il mondo, e non mi va di fare lo snob che si ritira sull’Aventino – o a Capalbio, se va ancora di moda.
    E così, mi trovo a fare il voyeur, a sbirciare qui e là, per non sapere troppo e per evitare di non saperne nulla. Ecco, se qualcuno volesse psicanalizzarmi, oppure semplicemente farmi sapere che sì, siamo in tanti in mezzo al guado (e fors’anche al guano), beh, che si faccia avanti. Grazie.