< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • March 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/03/2004

    Letto e sottoscritto

    Filed under: — JE6 @ 17:37

    Gran post di Carlo Annese. Cito soltanto la chiusura, ma leggetevelo tutto, mi raccomando (Note: la persona con la quale Carlo dialoga a distanza è Giuseppe Guru Granieri; bloc è la crasi di blog e local).
    Se non ci sono più i cronisti d’assalto, con le scarpe bucate e i taccuini colmi d’appunti, e se è difficile anche per strutture editoriali importanti riuscire a sintetizzare cosa accade nei quartieri e nelle città, non per questo la cronaca è finita. Se prima si raccoglieva per strada, adesso si diffonde via internet, per il semplice fatto che qualcuno parla di sè: del proprio modo di spendere lo stipendio, di andare al cinema, di usare i mezzi pubblici, di portare i bambini a scuola, ma anche di amare, soffrire, essere sano o ammalato in questa Italia. Insomma, credo che i bloc che tu sollecitino esistano già, così come l’aggregatore (il tuo): non è necessario che qualcuno indichi ad altri cosa devono scrivere, è sufficiente che continuino a farlo.
    Fuoridalcoro

    When I was young

    Filed under: — JE6 @ 13:19

    Si sa che va a finire così, arriva il momento della tua vita nel quale ti rendi conto che, stando alle statistiche, hai un grande avvenire dietro le spalle.
    Non pensavi che saresti arrivato a viverlo quel momento: non perchè tu dovessi morire giovane – se possibile, tra Jimi Hendrix e Keith Richards sceglieresti comunque quest’ultimo, chè piantar tutto a ventinove anni non sembra così affascinante – ma perchè l’epifania di quella consapevolezza era (sembrava) così lontana nel tempo.
    E invece.
    E invece arriva il giorno in cui leggi due righe, scritte da uno che ha solo un anno più di te, e quelle righe dicono Dell’Italia, e del migliore anno per il nostro paese, io saprei solo citare il famoso 1982 dei mondiali di Spagna e di due socialisti alle massime cariche dello stato. E per giunta mi ricordo male: Craxi arrivò solo l’anno dopo.
    E pensi che, in fondo, ha ragione; e se questo è il nostro, il tuo best of, beh, oddio.
    Quattroeunquarto

    Candeline nuragiche

    Filed under: — JE6 @ 10:58

    Il fratellino Lester compie trentadue anni. Mi sembra ieri, che lo accompagnavo all’asilo.

    Grandi occasioni

    Filed under: — JE6 @ 10:14

    Mi è appena arrivata una mail nella quale mi si ringrazia per essermi iscritto ad un corso on-line di auto-ipnosi.
    Fantastico, non ho fatto nemmeno la prima lezione, e già funziona.