< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/04/2004

    Title of the week

    Filed under: — JE6 @ 14:56

    [L’ho già scritto che oggi fanno tutto gli altri, no?]
    Acume, leggerezza, gusto – non solo musicale – persino autoironia: Clutcher è il miglior titolista in circolazione, tutto lì.

    Una donna ti guarda

    Filed under: — JE6 @ 13:55

    Male.
    [Il tenutario di questo blog di periferia, di questi tempi, ha proprio poco da dire. Così, ruba qui e là, sperando che nessuno gli spari alle spalle]

    Nella maggior parte dei casi hanno un’abbondante mezza età, ma non sempre. Viaggiano insieme, corporalmente, e su due pianeti ai capi opposti della galassia mentalmente.
    Hanno l’astio spalmato su tutta la faccia, che riverbera dall’uno all’altro e, di rimbalzo, sul mondo. Non si guardano mai e si parlano con brevi sibili tesi “Te l’avevo detto che c’era un sacco di gente” “Hai dimenticato il biglietto, vero?” “Perchè non domandi?” “Dovevamo stare a casa che era meglio”.
    A volte li incontri anche in pizzeria: immobili, silenti, lugubri cene, ognuno che guarda sopra le spalle dell’altro, una smorfia di fastidio all’arrivo dei rispettivi Averna e TartufoBianco. Se vi odiate, mi dico, perchè questa ostinazione nell’accompagnarvi l’un l’altra che raggela l’aria per cinquanta metri intorno?

    Sphera

    Facciamoci del male

    Filed under: — JE6 @ 09:22

    Come non essere d’accordo con EmmeBi sulla comunicazione elettorale del Triciclo (o Ulivo, o Lista Prodi, o come diavolo si chiama)?
    L’ennesimo messaggio lugubre, autunnale, meramente antiberlusconiano, privo di speranze e di proposte. Perfettamente in linea con la leadership del centrosinistra, certo. Mi chiedo se anche noi elettori (per scelta o necessità) siamo fatti così.
    EmmeBi, Unitinellulivo