< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/04/2004

    Grosso modo devo essere a Chivasso

    Filed under: — JE6 @ 22:28

    La Milano-Torino come metafora della vita: parti, per un po’ (poco) va tutto liscio, poi inizia un calvario di curve, strettoie, rallentamenti, buche; ad un certo punto, doppi la metà del percorso, e subito riprendi le buche, i rallentamenti, le strettoie, le curve, fino a quando, stremato ed al tramonto, arrivi alla fine del viaggio. A pensarci bene, era meglio morire da piccoli.

    Come si cambia (reprise)

    Filed under: — JE6 @ 09:01

    Dov’eravamo rimasti? Qui, mi pare: “Questo è diventato un blog silenzioso, anche se il numero dei lettori è rimasto immutato rispetto a qualche mese fa, rispetto ai tempi di Splinder. Lo ammetto, un pochino la cosa mi dispiace; ma, se ci penso meglio, è il giusto riflesso di un mio lento cambiamento. Cambiano i blogger, cambiano i lettori, cambiano i commenti. Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma“.
    Ho messo una frase di troppo: “un pochino la cosa mi dispiace“. Lo penso, ma forse non avrei dovuto scriverlo, perchè è fuorviante.
    Quello che conta è ciò che viene dopo: il cambiamento di questo blog viene da un mio cambiamento. Il che, lo ammetterete, è una gran banalità, inevitabile in quanto tale. Si passa attraverso le cose, e capita di uscirne (un po’) diversi. Chi legge tra o dietro le righe, di questo se ne rende conto. E si regola di conseguenza: da un blog ad un altro, seguendo la consonanza tra se stessi e gli autori.
    Fa parte del gioco, fa parte della vita: è difficile, se non impossibile, mantenere tutti gli amici che si avevano all’età di dodici anni; ma non importa, se quegli amici hanno trovato una strada che li soddisfa.

    Variazioni in base Squ-onk

    Filed under: — JE6 @ 08:57

    Squola = post scorretto ma entusiasta per lodare i genesis
    Squamato = da quando Mahatma si potrebbe dire “idolatrato”.
    Squartato = post aperto ma forzato, non spontaneo
    Squash = post caduto in una pozzanghera
    Squattrinato = post povero ma capace di rigenerarsi tre volte (metempsicosi del post)
    Squillo = post di facili costumi
    Squinzia = post giovane, di solito postato dalla sorella del padre o della madre di Squonk
    Squinternare = modo di liberarsi dei post demenziali
    Squisiti = post molto raffinati, di sapore delicato e gradevole
    Squittio = post petulante, da evitare
    Squoiato* = post morto, preda di cacciatori canadesi
    Squoiato* = post interrotto, nell’ambito di una continuità spaziale o temporale

    Grazie a Papi (ed alla sua poderosa scorta di Talisker).