< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/04/2004

    Come si cambia (reprise)

    Filed under: — JE6 @ 09:01

    Dov’eravamo rimasti? Qui, mi pare: “Questo è diventato un blog silenzioso, anche se il numero dei lettori è rimasto immutato rispetto a qualche mese fa, rispetto ai tempi di Splinder. Lo ammetto, un pochino la cosa mi dispiace; ma, se ci penso meglio, è il giusto riflesso di un mio lento cambiamento. Cambiano i blogger, cambiano i lettori, cambiano i commenti. Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma“.
    Ho messo una frase di troppo: “un pochino la cosa mi dispiace“. Lo penso, ma forse non avrei dovuto scriverlo, perchè è fuorviante.
    Quello che conta è ciò che viene dopo: il cambiamento di questo blog viene da un mio cambiamento. Il che, lo ammetterete, è una gran banalità, inevitabile in quanto tale. Si passa attraverso le cose, e capita di uscirne (un po’) diversi. Chi legge tra o dietro le righe, di questo se ne rende conto. E si regola di conseguenza: da un blog ad un altro, seguendo la consonanza tra se stessi e gli autori.
    Fa parte del gioco, fa parte della vita: è difficile, se non impossibile, mantenere tutti gli amici che si avevano all’età di dodici anni; ma non importa, se quegli amici hanno trovato una strada che li soddisfa.

    12 Responses to “Come si cambia (reprise)”

    1. SignorinaSilvani Says:

      Però è triste incontrarsi e poi perdersi, no? (s’allontana senza nemmeno più ancheggiare)

    2. Effe Says:

      se ci si incontra, in qualche modo non ci si perde più

    3. Squonk Says:

      Io non credo di aver perso nessuno, o almeno me lo auguro. Si viene e si va, e a volte si ritorna pure. Ma, lo ripeto, se chi non ritorna è un amico che ha trovato una strada migliore, io sono contento di questo.

    4. sphera Says:

      Anch’io penso che non ci si perda, una volta incontrati: si è solo da qualche altra parte.
      Si perde, per sempre, solo quello che non si è incontrato.

    5. Carlo Says:

      Con il navigatore satellitare non ci si perde più, è tutto un fatto di tecnologia.

    6. sphera Says:

      E’ che han messo un sacco di sensi unici nuovi.

    7. Effe Says:

      per non parlare dei lavori in corso

    8. riccionascosto Says:

      E i blocchi stradali? Dove li mettiamo?
      No… forse è meglio non saperlo.

    9. Mistral Says:

      C’è rischio di autovelox?

    10. Squonk Says:

      Non vi posso lasciare soli un pomeriggio, eh?

    11. Gilgamesh Says:

      Certe storie non finiscono, fanno solo giri immensi e poi ritornano.. (ahem)

    12. Carlo Says:

      persi sul raccordo anulare?

    Leave a Reply