< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/04/2004

    Grosso modo devo essere a Chivasso

    Filed under: — JE6 @ 22:28

    La Milano-Torino come metafora della vita: parti, per un po’ (poco) va tutto liscio, poi inizia un calvario di curve, strettoie, rallentamenti, buche; ad un certo punto, doppi la metà del percorso, e subito riprendi le buche, i rallentamenti, le strettoie, le curve, fino a quando, stremato ed al tramonto, arrivi alla fine del viaggio. A pensarci bene, era meglio morire da piccoli.

    7 Responses to “Grosso modo devo essere a Chivasso”

    1. Effe Says:

      Gliel’ho già detto, che Chivasso è un’infausta invenzione del direct marketing

    2. papi Says:

      Chi va a Chivasso rischia una sgradevole cacofonia.

    3. Squonk Says:

      Ahi lasso, son stato a Chivasso.

    4. Squonk Says:

      Ah, probabilmente vi ho anche perso un orologio. Io non ci devo andare in Piemonte, ecco.

    5. Effe Says:

      E comunque ha il cinghietto un po’ consumato

    6. ubik Says:

      “Chi va a Chivasso, incontra Balasso.
      Se si spinge a Torino, Messer Effe in motorino”

    7. Squonk Says:

      E pensare che questo post voleva essere un elevato intervento filosofico. Comunque, l’orologio è stato ritrovato. A Milano, per la precisione.

    Leave a Reply