< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • May 2004
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/05/2004

    Donne e buoi

    Filed under: — JE6 @ 11:49

    Io non so se Sonia Gandhi abbia dovuto davvero rinunciare all’incarico di Primo Ministro indiano solo perchè straniera. Pur senza aver approfondito l’argomento, tendo a credere che questo sia uno degli elementi e non l’unico.
    Comunque, se anche l’essere nata in un altro paese fosse l’unica ragione alla base della forzata rinuncia, la cosa non mi sembrerebbe nè molto strana nè eccessivamente criticabile. Francamente, non so quanti di noi – anche i più illuminati, anche i più progressisti – accetterebbero senza batter ciglio di essere governati da un austriaco o da un cingalese. Figuriamoci, facevamo fatica a riconoscere come “nostro” Gustav Thoeni.