< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • Due gradi, forse
  • Sulla strada
  • Di foreste e città
  • Sotto la radio
  • Parlare da soli
  • Ciò che non è vietato
  • Gone Shootin’
  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • June 2004
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/06/2004

    Paradossi delle proporzionalità inverse 2 – Spiegazioni

    Filed under: — JE6 @ 08:47

    Prima di tutto, i ringraziamenti, chè fa sempre piacere sentirsi dire “oh, guarda che io ci sono” ed anzi, ci si sente persino un po’ in colpa perchè ci si rende conto di essere i primi a non farlo. E quindi, appunto, grazie.
    Detto questo, credo che il post di ieri fosse abbastanza chiaro. Ho scritto che, al momento, questo blog è abbastanza vicino a ciò che vorrei che fosse; e questa, nel suo piccolo, è una soddisfazione. Sul serio, nessun rospo. Serenità assoluta (volano parole grosse, oggi).
    Il resto era una boutade, ma vi prego di non sentirvi presi in giro. Seguite il ragionamento: se mi sto avvicinando al mio optimum, e questo si accompagna ad un calo degli accessi, quando sarò arrivato all’optimum non ci saranno più accessi, e quindi il blog (strumento di comunicazione quant’altri mai) non avrà più necessità d’esistere. Ma si sa: la perfezione non esiste; e quindi, il giorno della dipartita di Squonk è ancora lontano – spero.

    Due paroline sui feed: io non ne farei una questione di religione o di principio, non ci costruirei sopra una scuola di pensiero. Per me sono comodissimi, praticamente irrinunciabili, così come lo sono per molti altri. Non per tutti, certo. Ma, almeno in questo ambito, ripeto, non ne farei uno spartiacque – o di qua o di là (Pialuisa Bianco, ve la ricordate?). Ci sono tanti modi di leggere, quello che conta è farlo. Come, è secondario.

    13 Responses to “Paradossi delle proporzionalità inverse 2 – Spiegazioni”

    1. Effe Says:

      non cessi l’accesso, sarebbe un eccesso. La mia scelta di non mettere i feed è di natura, diciamo così, politica. Io i blog li leggo entrando dalla porta principale, chiedendo permesso all’autore, e non sbirciando dal buco della seratura. Voyeurs che altro non siete.

    2. PlacidaSignora Says:

      Io anche.

    3. PlacidaSignora Says:

      Faccio come Effe, intendo (stamane mi sento criptica)

    4. jorma Says:

      Leggere i Blog con i feed non mi piace, trovo che perdano la loro poesia, non riesco ad apprezzarli, amo molto di piu’ andare a trovare i blog, magari mi perdo qualcosa ma ho molto piu’ piacere.

    5. sphera Says:

      Ecco, è quello che ho scritto io ieri. Senza questioni di religione, per carità: solo di gusti.

    6. lester Says:

      Mi piace che ci sia qualcuno che non scrive per aumentare l’audience; e lei non scenderà più di tanto, ci sarà lo zoccolo duro di chi continua a leggerla, e mi onorerò di appartenervi.

      Quanto ai feed, mi piace leggere i post nella loro casetta, inquadrati nel template e con il carattere che l’autore gli ha dato. Il feed mi serve al massimo per sapere chi ha postato, e l’argomento generale.

    7. PlacidaSignora Says:

      Domanda tecnica: Squonk, perché per leggere i tuoi commenti sono costretta ad annerirli? Sono scritti con l’inchiostro simpatico, o è colpa del mio monitor?

    8. Squonk Says:

      Risposta tecnica: non ne ho la più pallida idea. Si consoli sapendo che ogni tanto capita anche a me. Non mi dispiace, devo dire, il tutto prende un tono di mistero che fa chic assai.
      Quanto ai feed: mi pare di intuire l’esistenza di un partito di esteti, che ama i post al loro posto (sbellicatevi, please), con i loro colori, i loro caratteri, insomma tutte le loro cosine. Vi capisco, sapete? E sarei dei vostri. Ma ricordo sempre l’adagio anglosassone, quello che recita “Never judge a book by its cover”. L’anima delle parole sta dentro le parole, non dentro i template.

    9. Effe Says:

      Questa l’ha copiata dai Baci Perugina (e feed significa non dire mai mi dispiace)

    10. sphera Says:

      L’anima sì, ma la carne delle parole sta anche nel loro template, nel come, di che colore, quanto grandi sono scritte. Non mi dica che lei non guarda le belle ragazze perchè di loro le interessa solo l’anima.

    11. Squonk Says:

      Oh, certo, potendo lo faccio. Ma se le belle ragazze da guardare sono tante, una photo gallery può essere un valido surrogato, non trova?

    12. burmashave Says:

      io, queste diatribe non le capisco. con questo non è che voglio dare un giudizio sul fatto che voi discutiate sui feed o non feed. è che proprio non so cos’è, un feed.

    13. MassimoSdC Says:

      Ha ragione sphera, Sir, si feedi di lei.

    Leave a Reply