< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • July 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/07/2004

    On Air

    Filed under: — JE6 @ 17:20

    Un quarto d’ora di celebrità non si nega a nessuno. Pare che questa sera, verso le 21.30, il tenutario di questo blog di periferia parlerà dei massimi sistemi chez MieTerreRadio. Ussignur.

    Update: è stata una piacevole conversazione, almeno per me – e spero per Pietro. Per gli ascoltatori, non so. Alla fine, mi pare, ciò che rimane è “il tempo e come lo si trascorre”; insomma, nulla di ciò che abbiamo detto – Pietro concorderà – è destinato a rimanere nella storia, et pour cause. Ma se noi non ci siamo annoiati, e – soprattutto – non si è addormentato chi ascoltava, allora la missione è stata compiuta.
    Update 2: per i fanatici, la trasmissione verrà replicata in heavy rotation durante la settimana. Pietro dixit. Per maggiori dettagli, chiedete a lui.

    GM****

    Filed under: — JE6 @ 10:04

    Dunque, se provo a usare GMail con Mozilla, questo dice che devo fare una connessione telefonica come se fossi a casa, nonostante i settaggi del proxy siano corretti – nonchè funzionanti per ogni altro sito.
    Se provo a usare GMail con IE, questo mi dice che i controlli ActiveX devono essere abilitati; peccato che già lo siano.
    Insomma, ho un giga da riempire e non posso farlo. Son cose, direbbe qualcuno di mia conoscenza.

    Un motivo, uno solo

    Filed under: — JE6 @ 09:46

    In questi grami tempi di non infrequenti delusioni letterarie (in particolare, quella descritta e discussa qui e qui), è un piacere riprendere, almeno temporaneamente, fiducia nelle magnifiche sorti e progressive della letteratura.
    Senza essere un capolavoro (termine fin troppo abusato, dal sottoscritto in primis), Se il fiume fosse whisky di T.C. Boyle è una bella raccolta di bei racconti brevi. Niente di più, niente di meno.
    Belle storie, che stanno in piedi, che ti tengono per le dieci-dodici pagine lungo le quali si sviluppano; bei personaggi dotati di anima, vicende e parole proprie; bella scrittura, con le frasi lunghe il giusto, i sostantivi e (soprattutto!) gli aggettivi usati secondo senso del ritmo e logica dell’espressione.
    A ben pensarci, poi, sono esattamente gli ingredienti di qualunque “buona scrittura”, quelli che io cerco in un quotidiano, in un tomo universitario, in un blog. Le cose, spesso, sono molto più semplici di come amiamo descriverle.