< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/09/2004

    Di gusti e di orpelli

    Filed under: — JE6 @ 08:03

    A pensarci bene, passare una serata a difendere i propri gusti musicali ed a roteare gli occhi nell’udire quelli altrui è tanto inutile quanto stucchevole.
    Par di capire, parlando con chi della cosa se ne intende, che alla fine il criterio di giudizio è uno solo: mi piace o non mi piace. Dopo di che, tutto il resto è orpello intellettuale: innovatività, abilità tecnica, presenza scenica, contesto socio-politico. Balle: ascolti una canzone, un disco, e tutto ciò che ti rimane è (dis)piacere. E, a completamento di questo compendio di banalità, ciò che piace al sottoscritto vale in quanto tale e non deve necessariamente piacere ad altri o altre. E viceversa, certo.
    Quindi, a conclusione:
    I Beatles sono orribilmente sopravvalutati
    I Queen hanno finito la loro carriera con A night at the Opera
    I Rolling Stones avranno anche scritto una sola canzone in vita loro e l’avranno pur ripetuta per quarant’anni, ma a) che canzone!, b) ci vuole del gran talento per farla sembrare sempre nuova
    Il grunge è brutto
    Il rap avrebbe potuto essere una cosa seria e piacevole, ma è stato mandato in vacca
    Il mondo sarebbe stato un posto di gran lunga migliore senza Wham, Duran Duran, Culture Club e – in seguito – qualunque tipo di boy/girl band
    Il prototipo della canzone(tta) rock è You shook me all night long degli AC/DC
    (seguirebbe, ma ci siamo capiti. Spero)