< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/09/2004

    Un’altra bellezza

    Filed under: — JE6 @ 11:55

    E’ da giorni che penso a questo pezzo di Alessandro Baricco, scritto – credo – come postfazione alla sua traduzione in prosa dell’Iliade.
    (…) Per questo, oggi, il compito di un vero pacifismo dovrebbe essere non tanto demonizzare all’eccesso la guerra, quanto capire che solo quando saremo capaci di un’altra bellezza potremo fare a meno di quella che la guerra da sempre ci offre. Costruire un’altra bellezza è forse l’unica vera strada verso una pace vera (…) conoscere l’emozione, anche la più vertiginosa, senza dover ricorrere al doping della guerra o al metadone delle piccole violenze quotidiane. Un’altra bellezza, se capite cosa voglio dire.
    Utopia, iper-semplificazione, naivete, non so. Eppure (e ne sono ancora più convinto dopo aver sentito lo stesso Baricco all’Infedele di Gad Lerner) ho la sensazione che abbia colto un punto importante. Non l’unico possibile, certo. Ma importante, sì.
    Pfaall

    Galleggianti di serie

    Filed under: — JE6 @ 09:26

    A guardarsi intorno, in piscina, si ha chiaro il quadro del decadimento fisico di un paese.
    Dapprima ognuno si consola, guardando le pance e le celluliti altrui, ma pochi minuti dopo, quando i polmoni si sono ormai ridotti a capocchie di spillo e non c’è un solo muscolo che non stia implorando pietà, ognuno maledice se stesso, la propria pigrizia, il proprio desiderio di piacere a se stesso e agli altri, e vorrebbe solo morire lì, in quel preciso istante, lasciandosi sciogliere dal cloro.