< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/09/2004

    Compagnie

    Filed under: — JE6 @ 17:55

    Succede che, girovagando per commenti in blog altrui, uno si rende conto di avere dei lettori con i quali pensa di non avere proprio nulla in comune, idee, visione del mondo, stile. Roba che l’uno di cui sopra si chiede “ma perchè mi ha messo nel suo blogroll, che ci azzecco io con lui?”.
    Degne persone, senza dubbio, e chi sono io per giudicare. Ma quello che scrivono, oggesù.
    Macchianera

    L’uomo sul pulpito

    Filed under: — JE6 @ 09:44

    Fa impressione, eccome, vederti lì sul pulpito, alto e dritto nel tuo abito rosso, ma senza superbia o ostentazione.
    Fa impressione, sentirti parlare, raccontare ai bambini che siedono nelle prime file una fiaba che gli adulti capiscono subito essere diretta a loro.
    Fa impressione, ricordare quando giocavamo a basket, quando vestivi felpa e jeans, quando si parlava dei compiti in classe.
    Adesso sei lassù, ma non sembri distante. Anzi, sembri – sei – più vero, onesto, realizzato di noi.