< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • September 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/09/2004

    38 special

    Filed under: — JE6 @ 08:15

    Mi svegliavo presto, a quei tempi. La sveglia stava sul comodino, puntata alla solita ora da anni. La sera la preparavo, la mattina dopo aprivo gli occhi con un’ora e mezza di anticipo, e la spegnevo.
    Anche quel giorno andò allo stesso modo. Occhi aperti, piedi nelle ciabatte, trasferimento sul divano, alla televisione una televendita, una che si strizzava le tette, due bombe in un paese mille miglia lontano, il traffico in aumento.
    La barba, una colazione veloce e silenziosa per non svegliare il resto della famiglia, camicia e cravatta, e poi fuori.
    Una giornata quasi come un’altra, un appuntamento fuori città, qualche telefonata, un paio di caffè acidi bevuti in bar senza storia.
    Al pomeriggio, un funerale. E’ strano quando si va ai funerali di persone che non si conoscono. Si sta lì perchè si è amici del figlio della defunta, perchè si lavora nello stesso ufficio della figlia del morto, si ascoltano le canzoni, i ricordi della nostra amata sorella, si guardano gli abiti scuri e i fiori tristi sulla bara.
    Uscimmo in silenzio, restammo sul sagrato della chiesa ancora un po’, ciondolando da una gamba all’altra. Andammo a berci una birra, troppo fredda e insapore come troppe birre in questa città, poi ci stringemmo le mani, ci demmo un paio di pacche sulle spalle, fissammo appuntamenti.
    Arrivai a casa alla solita ora. Avevo tenuto il cellulare spento per quasi tutto il giorno, un po’ per necessità, un po’ per cattivo umore. Aprii la porta e dissi “ciao” ad una stanza vuota e buia mentre appoggiavo la borsa sul pavimento. La luce della cucina si accese di colpo, e dalla porta uscirono mia moglie e mia figlia. “Buon compleanno, papà”. “Buon compleanno, amore”. “Vieni papà, vieni con me, ti devo dare il tuo regalo”.
    Presi per mano mia moglie, e seguii mia figlia fino alla sua camera. Un pacchettino, tutto per me.

    Questo post è composto da un 50% di fiction e da un altro 50% di reality. Ma non importa; in effetti, è una giornata come tutte le altre, con le sue piccole cose speciali delle quali spesso non mi rendo conto. Il titolo del post, però, viene da un video visto su MTV, ben più di un decennio fa. Non ricordo il titolo, ma ricordo il nome della band.