< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • October 2004
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/10/2004

    Voodoo

    Filed under: — JE6 @ 10:41

    E’ colpa delle sei bamboline voodoo, lo so. Non può essere diversamente.
    You know, sir, there are thunderstorms over the Atlanta area, all flights are delayed or canceled“. Vabbeh.
    Si parte da Nawlins con centocinquanta minuti di ritardo. Si arriva ad Elena (pronuncia locale per Atlanta, accento sulla seconda “e”) con centosettanta, si prende la metropolitana interna dell’aeroporto, si corre come Michael Johnson per arrivare al gate giusto, e ci si sente dire che l’aereo per Milano ha appena chiuso le porte e il capitano non intende far salire a bordo i ritardatari. Vabbeh.
    Uffici Delta, si organizza il cambio di volo. “Try with Newark, sir, if you are on time you then have forty minutes to catch your plane to Malen [pronuncia locale per Milano, accento sulla “e”]”. Si va al gate segnalato, per constatare che, nell’arco di dieci minuti, si è già avuto il primo spostamento ed il primo ritardo di cinquanta minuti. I cinquanta minuti diventano ottanta, e poi centoquaranta. La coincidenza con Milano è persa. Vabbeh.
    Uffici Delta, si organizza un nuovo cambio di volo. “Don’t worry for your baggage, sir, get the plane for Paris, there you get your plane to Malen [vedi sopra] and there you’ll find your baggage“. Due ore di attesa supplementare, poi si vola per Parigi. Nuovo check-in, per trovare, senza sorpresa alcuna, che il volo per Milano ha novanta minuti di ritardo. Vabbeh.
    Il baggage? Disperso, no?
    Le bamboline voodoo, accidenti a me, è colpa loro. Adesso sono in giro per il mondo, dentro la mia valigia, e chissà quali danni stanno combinando.

    Update: la valigia, attualmente, sta in quel di Newark (per il motivo: vedi sopra). Le bambole hanno indossato le Converse gialle, loro compagne di viaggio, ed hanno accennato un sabba. Sta nascendo un caso diplomatico. Io aspetto di riabbracciare tutto e tutti tra un paio di giorni.

    8 Responses to “Voodoo”

    1. Effe Says:

      poi dice che uno se li cerca, i guai.
      Ma se l’hanno chiamata “sir”, sgnifica che la conoscono anche negli States.
      Hat (che sarebbe chapeau, ma tant’è)

    2. la bambina Says:

      Ma quante ne ha comprate??
      E poi, se lei viaggia low cost, non se la prenda con me (faccine a go-go).

    3. Squonk Says:

      Bambina: low cost? Milano – Nawlins? Lasci perdere, vah.
      Comunque, ho ricevuto un’ordinazione per cinque bambole. Quella per lei è un regalo (metto le mani avanti, perchè è brutta assai: apprezzi il pensiero, la prego).

    4. la bambina Says:

      Non sono brutta, è quella stronza della Séverine che mi descrive così.

    5. Severine Says:

      Ah, sei qui? Fila subito a casa, altrimenti niente bambolina.
      La perdoni, Sir. Mi potrebbe illuminare su Poydras Street?

    6. Squonk Says:

      Seve, sia clemente (mai pensato di consultare qualche specialista in personalità dissociate? No?).
      Dunque, Poydras Street taglia downtown da nord a sud, da Riverwalk, cioè il lungo Mississippi, fin verso il Louisiana Superdome o giù di lì. Strada molto larga, grandi alberghi, ristoranti. Del cinema che io e lei conosciamo, nessuna traccia – ma non l’ho percorsa tutta. Mezzo chilometro a ovest, il French Quarter, con le sue case d’epoca, le blues band, le pinas coladas e le signore che fanno commercio delle proprie grazie (va bene, come giro di parole?). Mezzo chilometro a est, il Warehouse District, con le fabbriche, gli operai, il D-Day Museum, il Museo della Confederazione, il monumento al Generale Lee. Pensandoci bene, Poydras Street è una metafora, lei che ne dice?

    7. riccionascosto Says:

      Mi sembra che tra lei ed i bagagli in trasferta ci sia una certa tendenza a prendere strade diverse… le era già capitato, se non ricordo male (portafoglio a parte).
      La prossima volta le converse le compri rosse. E poi ci sbatta i tacchi, stile Dorothy e dica… “A casa!”. Vedrà che funziona…

    8. Severine Says:

      Più Acheronte che Bayou, insomma.

    Leave a Reply