< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2004
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/10/2004

    Il reazionario che è in me

    Filed under: — JE6 @ 13:47

    Non so, sarò uno di quelli che, come dice Luca, “si spacciano di sinistra come ci si spaccia per milanisti, senza che questo abbia molto a che vedere con qualche pensiero approfondito, anzi spesso in contrasto con i loro pensieri di destra“, ma io questi cinque idioti che hanno allagato il Parini li metterei sul serio a lavorare insieme ai muratori che dovranno rimettere a posto i danni del loro cervello bacato, li farei stare lì, sotto gli sguardi di scherno e di odio dei loro compagni, con il cappellino in testa fatto con la Gazzetta di due giorni prima, e mi impegnerei a trovare una banca presso la quale far accendere un mutuo a loro nome (mettendo come garanzia i beni della famiglia, va bene, come la macchina del babbo che dice “lavoro troppo e non posso seguire bene mio figlio” – coglione, lavora un po’ meno, allora, no? Hai qualcosa, nella vita, più importante di tuo figlio?), per mantenerli sotto la spada di Damocle fino a quando avranno quarant’anni, perchè hai voglia a dire che hanno sedici anni, ma di sedicenni che in testa hanno un cervello (e lo usano) invece di un pezzo di gruviera è pieno il mondo, anche in questi tempi grami. Idioti. Idioti, ecco.
    Repubblica.it

    10 Responses to “Il reazionario che è in me”

    1. Lotrovassi Says:

      Lei si sembra pronto per il passaggio alla carta stampata: come inviato di Feltri, penserei.

    2. Effe Says:

      non si balocchi con il trastullo d’esser terzista: lei è un nostalgico delle purghe staliniste, altro che.

    3. Squonk Says:

      Lotrovassi: la prendo come una battuta di spirito. Se dice sul serio, argomenti: e poi si faccia trovare dietro al convento delle Carmelitane, domani mattina alle cinque.
      Herr: il comunista è lei, ricorda?

    4. Lotrovassi Says:

      Pistola o spada ? Scelga lei, tanto perderei comunque, Rilevo che ha omesso dalle punizioni auspicate la procurata sterilità al fine di evitare il diffondersi di geni così immondi (ma sto scherzando, deh ! Lei no ?)

    5. Squonk Says:

      Beh, lei mi appioppa un “inviato di Feltri” così, bel bello. Ho una (scarsa) dignità da difendere, cosa vuole.

    6. Shangri-la Says:

      Francamente, me ne infischio
      Ciuffo alla Crepet e occhialetti alla Pietropolli Charmet, oggi circola con un’elegante ventiquattrore Bridge e s’infila in un portoncino, proprio di fianco al Castello, dove riluce una targa in ottone: “Dottor ***, Psicoterapeuta”. Se mai banda d…

    7. Shangri-La Says:

      Ho scritto da me, mentre Egli russa. 🙂

    8. lester Says:

      Non ci trovo nulla di reazionario: visto che i danni non li pagheranno loro, ma i genitori, farli lavorare per dargli almeno un’idea della fatica che ci vuole a rimediare le loro immani idiozie mi sembra il minimo.

    9. Chettimar Says:

      Nella fattispecie, reazionario anch’io. Anzi, io farei sistemare tutto a loro, altro che muratori.

    10. lorenza Says:

      Ma perche’ ci si e’ scaldati tanto per il Parini? Anche la mia scuola, nel corso degli anni, ha subito un paio di volte danni analoghi. L’ITC locale fu addirittura bruciato. E di fatti del genere le cronache locali abbondano. Ah gia’, ma qui si tratta del Parini, talmente aristocratico da non aver bisogno nemmeno di sistema d’ allarme (del quale anche ignote e non balsonate scuole di provincia come la mia sono ormai dotate). Insomma si e’ fatto un caso di un’idiozia, facendo finta di ignorare che i coglioni sono ovunque, a prescindere da appartenenza sociale e supponenza culturale. E poi si’: i cinque disgraziati a zappare. Ma non tiriamo in ballo la deriva di una generazione: ‘un se ne pòle piu’,come si dice dalle mie parti, e a far la parte della prefica. basta Lodoli

    Leave a Reply