< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/11/2004

    Promossi (pochi) e rimandati (di più)

    Filed under: — JE6 @ 23:23

    Premessa, tanto per far capire come la penso:
    Io tendo a preferire personaggi realistici, che danno l’impressione di “essere vivi” – ovvero di essere gente in carne e ossa – posti in situazioni dettagliate e realistiche. Sono attratto da modi di narrazione tradizionali – qualcuno li definirebbe “fuori moda”: uno strato di realtà che si dispiega e ne apre un altro, magari ancora più ricco; il graduale accumulo di dettagli significativi; dialoghi che non si limitano a rivelare qualcosa su un personaggio, ma portano anche avanti la storia”.
    Raymond Carver

    Ho letto “La notte dei blogger”. E devo dire che, di racconti scritti così come piacevano al vecchio Ray – e al sottoscritto – ne ho trovati pochi. Uno più tre. Oddio, con quello che c’è in giro, può anche essere considerato un buon risultato. Ma quattro su diciassette (più uno, a fumetti), beh: mi aspettavo di più. O di meglio.
    Per quali motivi mi sono piaciuti quei quattro racconti, si veda la premessa. Negli altri, invece, ho trovato poco, troppo poco. Post allungati fino a riempire lo spazio minimo necessario di dieci-dodici pagine; personaggi abbozzati e subito dimenticati (dal lettore, ma anche dall’autore, si direbbe); storie con la s minuscola. E trucchi.

    Una volta ho sentito Geoffrey Wolff dire a un gruppo di aspiranti scrittori: “Niente trucchi da quattro soldi”. [Questa frase] io la correggerei un po’: “Niente trucchi”. Punto e basta. Io i trucchi non li sopporto. Quando leggo narrativa, al primo segno di trucco o di trovata, non importa se da quattro soldi o elaborata, mi viene istintivo cercare riparo.
    Raymond Carver (e chi, se no?)

    Per farla breve, i quattro racconti rimastimi “dentro” sono:
    E il tram di mezzanotte se ne va – La Pizia (il migliore, in assoluto)
    Nessuno mi può giudicare – Gianluca Neri
    La pagina Quarantanove – The Petunias (però, Roberto, quei nomi, santiddio)
    Mostra e dimostra – Violetta Bellocchio

    Ci sarebbe molto altro da dire, sulla (dis)omogeneità della raccolta, sul fatto che l’età massima degli autori è di trentasei anni, su cosa ne penserà della blogpalla chi leggerà questo libro senza aver prima fatto il necessario periodo di perlustrazione, su quanto (troppo) il blog e la sua scrittura-tipo sia entrata nel libro in questione. Ma ci sarà tempo, temo.