< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/11/2004

    Basta aspettare (reprise)

    Filed under: — JE6 @ 13:01

    Mah.

    Ma quando diventi papà?

    Filed under: — JE6 @ 12:03

    E’ una tentazione che viene a tutti coloro che diventano genitori (almeno, a tutti coloro che non vivono di rendita e non godranno degli sgravi fiscali reagan-berlusconiani): calcolare quanto costa un figlio in età compresa tra zero e dodici mesi.
    Mettersi lì con un bella tabellona Excel, e fare una lunga (interminabile) lista nella quale si susseguono vestiti, rette del nido, termometri, pannolini, creme, pediatri, giochi, arredamento, ediosacosaltroancora.
    Alcuni, tenaci e masochisti, vanno avanti per mesi. Il totale raggiunge valori iperbolici, ed i padri-ragionieri (o le mamme-contabili), presi da disperazione, decidono di andare in analisi dopo aver lungamente meditato l’infanticidio a scopo di risparmio.
    Altri, più avveduti, rinunciano intorno al quindicesimo scontrino, consapevoli della vanità dell’azione, ed iniziano a mettere da parte monete da due e da cinque centesimi per acquistare confezioni di sistemi anticoncezionali di sperabilmente provata efficacia.
    Entrambe le categorie apprendono del simpatico bonus studiato dagli acrobati del bilancio statale, mille euro per un neonato. Senza aver bisogno della tabellona Excel, fanno quattro conti a mente, realizzano che mille euro servono per tirare avanti da tre a sei mesi, mormorano uno scorato “vaffanculo” e vanno ad aprirsi una Moretti, che di più mica ci si può permettere.
    Repubblica.it