< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • December 2004
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/12/2004

    Consigli per gli acquisti

    Filed under: — JE6 @ 22:26

    Il titolare, qui, domani (mercoledì) pomeriggio vorrebbe fare un salto a vedere l’Andy Warhol Show alla Triennale. Qualcuno l’ha già visitato? Vale la pena?

    12 Responses to “Consigli per gli acquisti”

    1. Carlo Says:

      Ci potevi venire con me l’altro sabato, no? A mio parere la mostra è un po’ povera e anche l’allestimento non brilla. Ci sono sicuramente più foto che opere, ma anche le foto – senza un minimo di commento su chi siano i personaggi ritratti con Warhol – dicono poco. Complessivamente appena sufficiente, la apprezzerai di più se conosci un po’ di storia della pop art o dell’arte contemporanea americana di quel periodo.
      Non prendere l’audioguida che non serve a niente, si limita a ripetere quello che trovi scritto sui pannelli.

    2. Vinicio Says:

      Ci sono stato anch’io, un mese fa. Confermo quello che ha scritto Carlo. Per assurdo, erano più interessanti i testi che riportano il Wahrol-pensiero che le opere.
      Ma forse è solo questione di “gusti”.

    3. Squonk Says:

      Ah. Comunque, nel pomeriggio – finalmente in ferie – non ho di meglio da fare.
      Quanto a lei, caro Brodo, non ho ancora i dettagli della sua fitta agenda, mi perdoni.

    4. AleRoots Says:

      Io invece, pur avendola vista reduce recente dal Wharol Museum di Pittsburgh e dagli altri classici musei di arte moderna della zona NY/Washington, ho trovato l’allestimento molto ben fatto, interessante per la disposizione “tematica” e non in ordine cronologico, e non condivido la critica che ci siano poche opere, che anzi ho trovato abbastanza numerose e sopratutto rappresentative di tutte le fasi della produzione di Wharol.
      Mafe dice: “erano più interessanti i testi che riportano il Wahrol-pensiero che le opere”… non così assurdo secondo me, Wharol è stato fondamentale per la spinta che ha dato all’arte esistente, rivoluzionando il concetto di arte e portandolo alle estreme conseguenze, se non si tiene conto di questo e si guardano le sue opere “in quanto tali” è inevitabile a parer mio rimanere delusi. (e infatti, ma qui vado nel personalissimo usto personale, ritengo Wharol un po’ sopravalutato e sopratutto fatico a perdonargli di -iperbole- aver ucciso l’arte)

    5. AleRoots Says:

      Ho scritto “Mafe” al posti di “Vinicio”. Mi sto preoccupando, io ho davvero letto “Mafe” in calce a quel commento.

    6. Antonio Bois Says:

      Brutta. La curatrice è da strozzare, lui (il co-curatore) un po’ meglio. Un dettaglio per dare un’idea : metà delle fotografie non hanno disdacalia.

    7. Carlo Says:

      Le opere ci sono, ma ne mancano molte fondamentali. La disposizione tematica è una buona idea realizzata male, basta vedere come hanno trattato il periodo “Death and Disaster” che invece è stato importantissimo. L’apparato critico è praticamente inesistente e anche i titoli delle opere, ridotti a francobollo. Rispetto alla mostra organizzata alla Andy Warhol Foundation a NY due-tre anni fa oppure a Super Warhol l’anno scorso a Montecarlo secondo me non c’è gara.

    8. Carlo Says:

      SMS, mentre mangiavamo il polletto cingalese le avevo illustrato con dovizia di particolari tutto il programma del weekend. Vedo che lei ha rimosso.

    9. Squonk Says:

      Ero impegnato a sopravvivere al polletto medesimo, cerchi di capirmi.

    10. mafe Says:

      Ale, la cosa è triplamente sconvolgente: ho davvero il brutto vizio di fare più attenzione ai testi che alle opere, anche alle mostre 🙂

    11. b.georg Says:

      onestamente è meglio andare all’hangar bicocca per le torri di kiefer. c’è meno fila. anche se il baretto della triennale ha sempre il suo perché…

    12. Antonio Bois Says:

      ah sì, grandioso, kiefer (e poi così si vede anche un po’ di bicocca, che non è una cosa qualunque). io, il baretto della triennale, lo preferivo prima, tutto scrauso, che ci facevano le feste di compleanno dei bambini.

    Leave a Reply