< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/01/2005

    Soddisfazioni

    Filed under: — JE6 @ 22:56

    Ricevo, e porto a casa con orgoglio: Ho letto quasi tutte le storie: belle e molto simili a quelle che ho vissuto per anni come gestore e giocatore della sala biliardo.
    A quest’ ora,tarda, mi hai fatto passare un po’ di tempo in serenità.
    Grazie, Garrik.

    Greetings from Rapallo 4 – La polvere sotto il tappeto

    Filed under: — JE6 @ 22:12

    In Riviera dovresti stare solo ed unicamente in spiaggia, o sul lungomare. Invece, capita che sali su un treno, e invece di metterti a leggere un libro, butti l’occhio fuori dal finestrino. Ed è una teoria di palazzi grigi, di intonaci scrostati, di balconi pieni di panni tristi e giocattoli impolverati. Il treno passa alle spalle dei paesi, ti fa vedere la faccia oscura di questi luoghi inutilmente blasonati, ti fa scoprire i mucchietti di polvere nascosti – neanche tanto abilmente – sotto il tappeto; è come entrare nella cucina di un ristorante: almeno per un po’, ti passa la fame. Devi aspettare qualche ora, poi, anche se con qualche fatica, l’appetito torna.