< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Sono vivi ma tu non lo senti”
  • Ben bene
  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/01/2005

    Taxi! Taxi!

    Filed under: — JE6 @ 16:29

    Per chi non lo sapesse, le prossime evoluzioni del trasporto pubblico urbano saranno la mini-mongolfiera, l’asino (o il mulo, in città ad altimetria variabile) e, probabilmente, uno schiavo corpulento. Per il momento, abbiamo il “risciò a pedalata assistita”.
    Motorino.it

    PS – Sul serio, qualche frequentatore del centro di Milano ne ha visto almeno uno in circolazione?

    4 Responses to “Taxi! Taxi!”

    1. Auro Says:

      no. e se ne vedessi uno… urlerei.

    2. comidademama Says:

      Ad Amsterdam li abbiamo da un paio di anni, quei trabiccoli. Non vengono usati molto dalla popolazione locale data la loro proverbiale dedizione alla bicicletta. La corsa costa 10 euro all’ora, se non vado errata. In un’ora un olandese verace si fa quattro giri della città, sul serio.
      Però gli affari non devono andare loro male dato che ormai prestano servizio anche in inverno e sono sempre occupati. Non vedo l’ora di vedere questi mezzi un po’ invecchiati e sporchi perchè aggiungono un altro tassello a quello che io definisco “scenario da Blade Runner”: pioggia, buio, strade affollate da ogni genere di essere umano, gruppi di Hare Krishna che sfilano cantando, stormi di asiatici, un ghirondaio, un enorme uomo vestito da spaceman che saluta le cameriere in mutande del Babe Teasers. Tutto questo visti in pochi secondi.
      Anche i pony express qui ad Amsterdam sono su due ruote non inquinanti, indossano tute aderenti da ciclisti e caschetto con sopra stampato il logo della propria compagnia e sono dotati –invidia– di uno zaino antipioggia.

      Se per caso provi questo nuovo mezzo chiedi di farti guidare la bicicletta, è un vero portento e ti consente di guidare quasi da coricato, anche se le vere ligtfiets vedono il guidatore veramente sdraiato, che normalmente ha un micro specchietto retrovisore saldato sul caschetto o sull’occhiale. Marco -Schwarz-, mio marito, vorrebbe affittarne una per vedere come si va. Esiste anche una versione coperta da una carlinga a forma di supposta, l’abbiamo vista per la prima volta io e Marco, una notte passeggiando per la Nassaukade. Credevamo di avere le allucinazioni.

    3. comidademama Says:

      E poi, pensavo, mi sa che soffochiate voi a milano, con lo smog che c’è, se per caso vi avventurate con il taxi riscò, non ha mica i finestrini!!!!

    4. comidademama Says:

      ancora una cosa, ecco cosa capita di vedere al mattino mentre vado a scuola con Marta,

      http://www.velomobiel.nl/alg/q_niels.jpg

    Leave a Reply