< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/01/2005

    Ghost town

    Filed under: — JE6 @ 11:58

    Fossimo in New Mexico, non ci si sorprenderebbe più di tanto.
    Ma siamo a Milano. Che, evidentemente, assomiglia al New Mexico più di quanto ci si immaginerebbe.
    Il luogo sta dalle parti dell’imbocco dell’Autolaghi. Lo si vede da lontano, perchè ci sono due grandi torri, con le insegne di Allaxia e Castorama. Ma il luogo non ha nome. E’ una via lunga quasi mezzo chilometro, che esiste da un decennio, e che la Toponomastica di Milano non ha mai battezzato. La consegna di posta, pacchi, materiale vario avviene secondo modalità paragonabili solo a quelle tipiche della caccia al tesoro: si danno ai malcapitati recapitatori una serie di indizi, nella speranza che essi siano solutori più che abili e quindi siano capaci di costruirsi la loro personale mappa per raggiungere la meta.
    A questo si aggiunge il fatto che la via in questione è diventata parcheggio per TIR, che una volta, invece, stazionavano al Gallaratese, intorno al cimitero di Musocco: percorrendola, si passa attraverso un pout-pourri di nazionalità e di mezzi di trasporto assolutamente affascinante. La cosa conferisce, per l’appunto, un certo fascino al luogo: peccato che questo non abbia un nome.
    Corriere della sera, su carta, di domenica 16 gennaio