< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    20/01/2005

    Piange il telefono

    Filed under: — JE6 @ 11:15

    Ho il telefono aziendale da parecchi anni, e non ho mai avuto l’onore e l’onere di dare un’occhiata alle “mie” bollette. Sarà per questo che rimango basito (non so se molto basito o solo un po’; adesso ci penso) nell’apprendere che “la tassa sul telefonino, riservata agli abbonamenti, fu introdotta nella prima metà degli Anni Novanta, come tassa sul lusso, quando il telefonino era un bene riservato a pochi e fortunati utenti e attualmente si pagano 12,9 euro al mese per il contratto business e 5,16 euro mensili per il contratto family.
    Tredici euro al mese di tassa sul telefonino? Per il mero possesso? E Siniscalco, sulle orme del sedicente liberista Tremonti, vuole estendere questa tassa anche ai cinquanta milioni di telefoni che usano la scheda prepagata.
    Liberisti, eh? Oddio, aridatece un piano quinquennale, vi prego.
    Repubblica.it

    5 Responses to “Piange il telefono”

    1. severine Says:

      Se fossi un gestore di telefonia mobile mi offrirei di pagare la tassa al posto dei miei utenti. E’ una stronzata, lo so, ma è consequenziale alla prima cosa che mi era venuta in mente: butto via il cellulare.

    2. jorma Says:

      Se la mettono perdono le prossime elezioni…speriamo!

    3. burma Says:

      Pienamente d’accordo con Jorma. Loro perdono e io ho il telefono aziendale.

    4. wolverine Says:

      Ti sto citando.

    5. Binario Loco Says:

      Cose che fanno pensare
      Dedico questo post arrabbiato alla mia migliore amica – cui voglio un bene stratosferico -…la quale, in questi giorni, si sente un pò blue. Tra un pò…sarà nuovamente Berlino. Bello scoprire che le nostre migliori pellicole prenderanno parte al…

    Leave a Reply