< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/01/2005

    Il freddo che fa

    Filed under: — JE6 @ 12:49

    Di solito non ripongo particolare fiducia nelle previsioni del tempo, e infatti tendo almeno a fare una media tra quelle nelle quali mi imbatto (finendo così per vestirmi alla Totò o alla Rocco Siffredi, a seconda dello scostamento dalla media stessa).
    Sarà per questo che mi pare poco credibile che in questo momento la temperatura percepita a Milano sia di -14°, e che a Bolzano, domani mattina, la stessa sarà di -34°.
    Kataweb Meteo

    Non è cambiato nulla

    Filed under: — JE6 @ 11:04

    [Ciao Luca]

    Un anno e mezzo fa, alla vigilia di un compleanno, scrissi un post, che abita ancora nella vecchia casa.
    Oggi, alla vigilia di un altro compleanno, mi è tornato in mente. Sono andato a rileggerlo, e mi sono reso conto – con un po’ di malinconia ma senza sorpresa – che non è cambiato nulla, se non i numeri. Tutto il resto (compreso, se non ricordo male, l’errore relativo all’anno di nascita di Luca) è rimasto com’era. Non ho un motivo valido per farlo, ma ho pensato di riportarlo anche qui. Eccolo.

    Luca Sofri è del Sessantaquattro, il blog-manager di Squonk è del Sessantasei.
    Il padre di Luca Sofri compirà sessantun anni il prossimo primo agosto (auguri Adriano), il padre del blog-manager di Squonk ne farà settantaquattro verso la fine di gennaio.
    Luca Sofri è un giornalista e blogger, il blog-manager di Squonk è un “marketer” e blogger.
    Il padre di Luca Sofri, negli anni Settanta, era un politico (sebbene di tipo non canonico), ed oggi è un carcerato, un opinionista ed anche un punto di riferimento intellettuale per tante persone. Il padre del blog-manager di Squonk, negli anni Settanta, era un carabiniere che faceva servizio di ordine pubblico in occasione (anche) delle manifestazioni organizzate dal padre di Luca Sofri, ed oggi è un tranquillo pensionato che si trova sulla nave che lo sta portando in Sardegna.
    Il padre e la madre di Luca Sofri, sul finire degli anni Sessanta, si sono separati. Il padre e la madre del blog-manager di Squonk sono ancora marito e moglie, dopo quarantatre anni.
    Luca Sofri ed il blog-manager di Squonk non sembrano avere molti punti in comune, a parte l’essere tenutari di un blog.
    Eppure, a leggere ciò che Luca Sofri ed il blog-manager di Squonk scrivono dei loro rispettivi padri e delle loro storie familiari – anch’esse tanto diverse – sono più simili di quanto sembri. Pare banale. Pare.