< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • January 2005
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/01/2005

    Pazza gioia

    Filed under: — JE6 @ 21:58

    Sono l’unico che trova insopportabili i calciatori che, dopo aver segnato un gol, si denudano, oppure si baciano l’anello, oppure si fanno il segno della croce, oppure si incaprettano in ammassi laocoontici di sedicenti atleti, oppure danno vita ad una combinazione delle idiozie summenzionate?

    9 Responses to “Pazza gioia”

    1. sa Says:

      si

    2. dado Says:

      non saprei dirti, la mia squadra non segna da un bel pò di tempo e oggi solo su autogol, quindi… quelle scene sono un ricordo lontano nella memoria.

    3. marco Says:

      Insopportabili no, perche’ per considerare una persona insopportabile bisogna che ti crei qualche coinvolgimento emotivo, mentre per me i calciatori potrebbero essere inghiottiti da un buco nero qui ed ora e la mia vita non cambierebbe di un epsilon piccolo a piacere.
      Certo che la mancanza di proporzione tra l’importanza di un gol ed il casino che fanno i giocatori e’ un bell’esempio di quanto quello sia un mondo a parte da quello vero.
      Ci sarebbe peraltro da notare che quello e’ un mondo a parte solo per alcune cose, perche’ quando c’e’ da succhiare denaro al mondo vero questi mica si tirano indietro, pero’ lasciamo questa filippica per un’ altra volta.

    4. papi Says:

      Siamo in due … Non dimenticare la storiella del vecchietto, il ragazzo e l’asinello. Difficile accontentare tutti. Federer, agli inizi, quando vinceva non esultava e veniva considerato “arrogante”. Bellissimo Safin agli open d’Australia. Mentre il suo bisinfio allenatore si abbandonava a gesti scomposti lui ha esultato moderatamente*, con un sorriso e un gesto della mano, sia quando ha sconfitto Federer (la vera finale) sia quando ha vinto contro Hewitt.

      * parafrasi del più frequente “festina lente”

    5. marco Says:

      Secondo me questa applicazione ogni tanto si mangia i commenti.
      Per dire, a me ne ha appena mangiato uno.

    6. massimo mantellini Says:

      siamo in tre……..

    7. lester Says:

      Io esulto pure quando segno alla pleistescion. Intendo non il mio giocatore virtuale, ma io in persona personalmente.

    8. Squonk Says:

      Mioddio, allora lei si incapretta la playstation e si denuda nel tinello! Mi vengono i brividi.

    9. lester Says:

      Beh, non fino a quel punto…

    Leave a Reply