< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/02/2005

    Epidemia

    Filed under: — JE6 @ 10:15

    Per motivi credo non troppo dissimili da quelli di Carlo, chiude anche Eloisa.
    In bocca al lupo.

    E mi dispiace, anche in questo caso, certo.

    Diciotto ruote

    Filed under: — JE6 @ 08:58

    Avrà trentacinque anni, più o meno, e si porta in giro una faccia buona, stanca e smarrita.
    Mi si avvicina mentre cammino verso la macchina, dopo le consuete dieci o undici ore filate, giusto un caffè, che tanto ci si fa l’abitudine.
    Ha in mano un foglio che immagino essere una bolla di consegna; dietro le sue spalle, ad una ventina di metri di distanza, vedo un Tir, una di quelle bestie che, anche senza volerlo, quando ti sorpassano in autostrada ti spostano come un fazzoletto di carta usato.
    A gesti e parole smozzicate, in un misto di lingue latine, mi chiede se il magazzino è ancora aperto. Gli mostro l’orologio, gli faccio capire che è tardi, che il ricevimento merci ha già chiuso i battenti.
    Allarga le braccia sconsolato e alza gli occhi al cielo con un sorriso sghembo, malinconico e fatalista. Prova a chiedermi a che ora si potrà presentare domani, e io provo a spiegargli di venire un po’ prima delle otto. Calcola velocemente e, non so perchè, mi dice che ore saranno, in quel momento, in Portogallo.
    Poi, in modo che non capisco se timido o vergognoso, mi chiede se questa notte può dormire là fuori, nel parcheggio. Gli faccio capire che sì, certo, basta che parcheggi il camion per il lungo, su un lato del piazzale, e non ci saranno problemi. Spero.

    Mi ringrazia. Se ne torna verso la sua casa a diciotto ruote. Io salgo in macchina, accendo le luci e parto. Tra venti minuti sarò a casa, in famiglia, e dirò che sono stanco e che è stata una giornataccia.