< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/02/2005

    Il compagno Antonio

    Filed under: — JE6 @ 10:31

    Sarà che mi sono laureato con una tesi sulla comunicazione dei partiti politici (e un giorno racconterò dei miei ricordi del 1992, quando giravo per sedi e convegni in cerca di materiale e mi capitava magari di essere l’unico, in una sala gremita da qualche centinaio di persone, a non tirare fuori cinquemila lire per comprare un garofano rosso; sul palco vi lascio immaginare chi c’era), ma questo dibattito lanciato da Luca De Biase sulle 5 cose che un politico dovrebbe sapere se vuole parlare con i blogger mi pare mille volte più interessante delle asfittiche discussioni sull’io-scrittore nelle quali io stesso mi infilo, pentendomi solo pochi minuti dopo.
    L’aspetto più interessante dei molti suggerimenti che ho letto in giro mi pare questo: i blogger parlano all’ipotetico uomo politico da pari a pari, vorrei dire da blogger a blogger. Senza sussiego, senza disprezzo, senza condiscendenza. Danno consigli che trovano fondamento nella loro esperienza quotidiana, come se parlassero (e così è, in effetti) al classico neofita che, dopo aver girovagato un paio di giorni su Splinder, prende il coraggio a due mani e scrive alla blogstar in cerca di aiuti. Le riflessioni fatte, i consigli dati potrebbero valere per qualunque applicazione dello strumento blog diversa dal “parlo un po’ degli affari miei”.
    Ora, pensierini annessi e connessi se ne potrebbero fare a bizzeffe, e li faremo, in un prossimo futuro. Oggi mi soffermo solo su un piccolo ma non trascurabile aspetto: tutto questo sapere, quello che trovate linkato qui sotto, può trovare uno sbocco concreto e positivo se viene soddisfatta una condizione di partenza, e cioè che il neofita – nel caso specifico, il politico – sia, per così dire, “blogger nell’animo”. Il resto è tecnica, applicazione. Ma inutile se la persona fisica che mette le mani sulla tastiera non ha il desiderio di parlare e ascoltare, di scrivere e leggere.
    Per la cronaca, questa è l’impressione che mi ha fatto Antonio Palmieri, di cui ha scritto Webgol qualche giorno fa, e che ho avuto modo di incontrare l’altroieri: credo che leggerà queste righe, e credo che si farà una risata nel leggersi definito compagno Antonio. Compagno, sì: solo un attacco improvviso di Parkinson mi potrebbe spingere a mettere la X sul simbolo di Forza Italia, ma Palmieri è un potenziale compagno di strada. Blogger nell’animo, insomma. Magari lui non lo sa, ma è così.
    Webgol, Manteblog, Maestrini 1, Maestrini 2, GuruGranieri, Beppe Caravita , Montag