< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2005
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/02/2005

    La valigia di Trilussa

    Filed under: — JE6 @ 09:53

    L’aereo atterra alle 21.26. Alle 21.37, come recita il display posto sopra il nastro trasportatore, viene consegnato il primo bagaglio. Il primo, e altre sei-sette borse. Poi, per altri otto minuti, non succede nulla. Tra le 21.45 e le 21.48 vengono consegnati tutti gli altri bagagli, compreso l’ultimo (display dixit).
    Insomma, il 10% dei bagagli viene consegnato entro undici minuti, il restante 90% entro diciannove-ventidue. Secondo voi, come verrà calcolato il tempo medio di consegna dei bagagli, a Malpensa?

    10 Responses to “La valigia di Trilussa”

    1. Jaisalmer Says:

      credo in base al tempo medio di “ispezione” bagagli da parte dello staff aeroportuale. Parliamo di Malpensa…

    2. Squonk Says:

      Non mi si metta a fare dell’ironia a buon mercato, la prego.

    3. sphera Says:

      Ah, ma li riconsegnano?

    4. MassimoSdC Says:

      (0,10*11 + 0,90*20,5)= 19,55 minuti.

      PS – ma sì, sì, Sergio: certo che sto scherzando!

    5. Jaisalmer Says:

      Ma a voler esser un po’ più seri c’è una ragione alternativa. Le prime otto borse vengono caricate prima perché sono più leggere. Oppure, le altre vengono caricate dopo perché più pesanti. Ma, se fosse vero, per caricarle tutte ste’ pesanti valige sul nastro nei 3 minuti tra le 21.45 e le 21.48 chi sono, Superman sotto mentite spoglie di scaricatori d’aeroporto?

    6. Squonk Says:

      Le prime otto borse erano di otto turisti giapponesi. Tutte uguali tra di loro. Buona parte del secondo e ultimo gruppo era composto da borse di turisti giapponesi. Tutte uguali tra di loro, e uguali alle prime otto (non scherzo).
      Massimo: ci ho pensato anch’io, in effetti, ma mi pare un calcolo troppo intelligente.

    7. Anonymous Says:

      A caso, ma all’interno dei range definiti dalla customer satisfaction

    8. Jaisalmer Says:

      Sa, i giapponesi: loro pensano che gli occidentali li considerano tutti uguali, quindi, per la gita in Europa, borse uguali per contrapasso.

    9. gl Says:

      anche a Bologna girava la leggenda della mitica velocissima prima valigia, sulla quale era fermato il tempo per le Public relation aeroportuali.
      La seconda arrivava infatti dopo un quarto d’ora buono dalla prima…

    10. MassimoSdC Says:

      Sergio, allora ci facciamo assumere, tutti e due.
      Poi ce la giocamo pari o dispari, su chi conta le prime otto.
      Ed abbiamo svoltato, come si dice.

    Leave a Reply