< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • April 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    21/04/2005

    Greetings from Rome ’05 (2) – 5. Accendi la luce

    Filed under: — JE6 @ 18:31

    Domanda agli indigeni: ma è vero quello che è inciso sul marciapiede sinistro di via della Conciliazione? Che ogni volta che la luce dei lampioni – collegati al reparto maternità di non ricordo quale ospedale – pulsa, vuol dire che è nato un bambino?
    Perchè, se fosse vero (e funzionante), la troverei una cosa… bella, ecco. Sto invecchiando, vero?

    Greetings from Rome ’05 (2) – 4. Dopo la tempesta

    Filed under: — JE6 @ 18:17

    Sono arrivato quattro ore dopo l’annunciazione del nuovo Papa. E il giorno dopo ho avuto un paio d’ore di tempo per andare da San Pietro a Termini, attraversandomi a piedi un pezzo di città. Un po’ più di gente rispetto al solito, davanti alla basilica e in via della Conciliazione. Ma, se non fosse stato per quei sei-sette teleobiettivi puntati verso la famosa finestra (ma perchè? pensano che il Papa se ne venga fuori di sorpresa a fare ciao-ciao con la manina? boh) e le due postazioni televisive, avrei detto business-as-usual. Forse i romani sono – comprensibilmente – stanchi, o forse, appunto, sono romani, e metabolizzano in fretta. Razza superiore, l’ho sempre pensato, alla faccia di Calderoli (il quale, però, se ne deve essere reso conto: sarà per questo che si è abbarbicato alla poltrona come una cozza).

    Greetings from Rome ’05 (2) – 3. A volte ritornano

    Filed under: — JE6 @ 18:09

    Può essere che gli abbigliamenti cambino nelle diverse zone di una metropoli. Può essere, sì. Potrei fare qualche considerazione su Milano, ma qui a Roma non sono (ancora) di casa. E quindi, mi limito a prendere atto di aver rivisto*, dieci (quindici?) anni dopo l’ultima volta, una sedicenne con la minigonna e gli scaldamuscoli.

    * Metro B, direzione Laurentina, tra Eur Magliana e Eur Palasport

    Greetings from Rome ’05 (2) – 2. Botteghe oscure

    Filed under: — JE6 @ 18:04

    Come fa uno cresciuto nel (falso?) mito del trash, a non eleggere a proprio idolo uno che chiama il suo negozio “Johnny Stockino – Il meglio della casa dello stock“?

    Greetings from Rome ’05 (2) – 1. Lo zoo è qui

    Filed under: — JE6 @ 18:01

    Terme di Diocleziano, undici di sera. Era da parecchio, davvero, che non rischiavo di calpestare un topo impegnato a cenare.

    Filed under: — JE6 @ 08:34

    Il titolare, qui, non è “in sonno”. Solo, è in trasferta. E si guarda intorno. A presto.