< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/06/2005

    Potere femminile

    Filed under: — JE6 @ 13:16

    Qualcuno mi bollerà sicuramente di vetero-maschilismo mascherato da un finto atteggiamento di condivisione di diritti e doveri all’interno del nucleo familiare. E chissà, magari è proprio così.
    Comunque, nel preambolo di un lungo pezzo scritto da Alessandra Di Pietro e Paola Tavella (femministe, libertarie e di sinistra, come da loro dichiarazione) per spiegare le ragioni della loro astensione in occasione del referendum sulla legge 40, leggo una frase che mi lascia un po’ perplesso.
    Cito: “Le tecniche di fecondazione assistita sono pesanti, invasive, grezze, ancora poco sicure e ignote nelle conseguenze (…) consegnano la procreazione nelle mani della tecnica e la sottraggono nei fatti, nel simbolico e nell’immaginario, al potere femminile che la governa con amore e saggezza fin dagli inizi del mondo“.
    Non so. Amore e saggezza femminili non sarò certo io a negarli (e le eccezioni confermano la regola, diciamo). Ma in quelle parole io leggo una contrapposizione di principio tra donna e uomo che non solo rifiuto (e fin qui, fatti miei) ma che mi pare sempre meno fondata nella vita quotidiana, almeno quella che passa sotto i miei occhi. Sbaglio?
    Letture (via Shangri)