< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/06/2005

    I miss you, babe

    Filed under: — JE6 @ 15:22

    Ma quanto mi manca, Klamm?
    E voi, dite: quali sono i blog ai quali eravate affezionati e dei quali sentite la mancanza?

    Perchè non ti vuoi feed-are?

    Filed under: — JE6 @ 14:27

    Chissà se le buone argomentazioni di Antonio saranno in grado di convincere i riottosi a usare (in entrata e in uscita) i feed rss. Qui, nella speranza che ciò avvenga, si linka e si rilancia.
    Webgol

    Forever young

    Filed under: — JE6 @ 13:37

    Casi della vita, quelli che ti fanno passare davanti ad un cartellone 6×3 con il faccione di un noto dj che ti consiglia dove andare a fare la spesa. Guardandolo, come ti capita di fare tutte le sere (perchè tutte le sere passi davanti a quel cartellone), pensi che quel signore è probabilmente più vicino ai cinquanta che ai quaranta, sta in radio da quando c’era ancora Nicolò Carosio, ha figli e fors’anche nipoti, eppure è un sempregiovane. O, meglio, fa il sempregiovane. Le trasmissioni per i ventenni, gli spot girati in mezzo a ragazzi e ragazze che ballano sulla spiaggia ed hanno la metà dei suoi anni, cose così.
    Casi della vita, quelli che ti fanno leggere un post dove si racconta di una adolescenziale caduta del signore in questione, e che ti fanno pensare che tout se tien, che forse, se devi essere giovane per sempre, ti può venire in mente di indossare gli stessi panni (anche mentali) di quei ragazzi ai quali ti rivolgi e con i quali ti mischi ogni santo giorno. Quei ragazzi che, magari, si aspettano che tu, almeno ogni tanto, parli e scrivi e fai per quello che sei: un adulto.