< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/06/2005

    Pigliate ‘na pastiglia

    Filed under: — JE6 @ 12:13

    [se siete d’accordo, cambiamo temporaneamente registro]
    Non ci si può più fidare di nessuno, ecco. Se Francesco De Gregori, una ventina d’anni fa, avesse letto di Todd Christian, uomo-cannone che ha paura di volare, col cavolo che scriveva il suo capolavoro.
    Repubblica.it

    Del ricevere lezioni

    Filed under: — JE6 @ 11:01

    Ci sono molte persone, in questo paese, che, politicamente parlando, sono da lungo tempo abituate a “perdere”. Guarda caso, molte di queste hanno “perso” anche questa volta. Quindi, spero che si vorrà riconoscere loro non solo una umanamente comprensibile frustrazione – è un po’ come essere tifosi del Cagliari: uno scudetto e cinquant’anni di limbo, se non di retrocessioni – ma anche il disincanto con il quale accolgono i risultati elettorali.
    Invece, è tutto un fiorire di cicca-cicca, da quelli leggeri, elaborati da qualche Flavia Vento in pectore, a quelli profondi e impegnati, che pescano nei sacri tomi della filosofia e della scienza politica.
    ça va sans dire, questi ultimi sono quelli che, da queste parti, maggiormente si apprezzano, perchè non si vuole certo rinunciare ad alcuna occasione di crescita intellettuale. Quindi, si fa tesoro di tutto, e soprattutto delle lezioncine al termine delle quali si risulta far parte di una setta di carbonari dediti al culto mistificatorio della cura della democrazia, piccoli giapponesi rimasti bloccati nella giungla dell’Italia degasperiana.
    Già. Noi, piccoli stupidi giapponesi, che la partita vorremmo perderla giocandola; invece, la squadra avversaria se ne sta negli spogliatoi, anzi: allo stadio non si presenta neppure. E vince. Contenti loro, poveretti.

    Questa mi mancava

    Filed under: — JE6 @ 07:53

    Nel dibattito post-referendum (che, per inciso, sta facendo emergere il lato non tanto oscuro ma non per questo meno sgradevole di parecchie persone) il sottoscritto è uno di quelli che sta mettendo in mostra “ostentata ed ottusa saccenza”. Il curriculum si sta completando.
    Shangri-la