< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/06/2005

    Latisana Choo-Choo

    Filed under: — JE6 @ 22:38

    Saranno i ricordi della più bella vacanza della mia vita, sarà il terrore che mi prende all’idea di affrontare certi tratti delle autostrade italiane, sarà il desiderio di cambiare mezzo dopo qualche migliaio di chilometri guidati durante le ultime settimane, ma continuo a provare un fascino masochista per i viaggi in treno.
    Masochista perchè ci sono pochi luoghi tristi come la sala d’attesa della stazione Centrale di Milano, perchè l’aria condizionata sull’Intercity per Mestre non funziona, perchè già nei primi cinque minuti di viaggio ci si imbatte in una teoria di lenzuola stese ad annerirsi sui balconi di Lambrate e di vetri rotti nei mille edifici di proprietà di Trenitalia che costellano i binari per chilometri e chilometri, perchè il treno parte già in ritardo e certo non lo recupera(così ti metti il cuore in pace da subito: la coincidenza è persa e morta lì), perchè la sala d’attesa di Mestre chiude – insieme a tutti i bar dei tre chilometri quadrati circostanti – alle dieci di sera (e va bene che adesso fa caldo, ma il viandante notturno invernale a Mestre cosa fa, accende un falò tra il binario 2 e il binario 3?), perchè i tuoi compagni di viaggio sono un branco di bizzarri soggetti all’interno del quale si distingue una signora che veste una collana di perle che neanche nei film dei telefoni bianchi ti è mai capitato di vedere e racconta che ha servito per tre volte la moglie di quello lì, ma chi è? è uno importante? come si chiama… Murdoch? ma non dirmi, fa quel lavoro lì?, perchè a Mestre alle sei del pomeriggio capisci finalmente il significato dell’espressione bolgia-dantesca, perchè c’è sempre un altro perchè e nonostante questo l’anno prossimo ci cascherai ancora.

    2 Responses to “Latisana Choo-Choo”

    1. laflauta Says:

      perdicibacco, me l’ero perso questo…lei mi obbliga al commento. Da brava mestrina posso solo bacchettarla, i locali aperti ci sono, fino a notte inoltrata. L’anno prossimo mi avvisi che le preparo cartina topografica con tappe degustative da Mestre a Latisana, giro di cantine incluso. xe ‘a me xona.

    2. Squonk Says:

      Mia cara, non dubito che a Mestre vi siano locali aperti nei dintorni della mezzanotte. Il fatto è che devono essere raggiungibili a piedi (andata-e-ritorno) nei quaranta minuti che devi occupare tra il treno perso e quello che, sperabilmente, ti dovrebbe portare a destinazione.

    Leave a Reply