< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2005
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    27282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/06/2005

    Ma tu pensa

    Filed under: — JE6 @ 23:01

    Bastava poco: aprire un cassetto, tirare fuori la scheda elettorale, controllare le date dei timbri. Bastava poco per scoprire che, a dispetto di quanto scrivevo qualche giorno prima, il 15 giugno 2003 sono andato a votare.

    Per quello che conta: la cosa mi fa sentire un po’ meglio, ma certi ragionamenti di principio continuano a valere. Per gli altri e per me stesso.

    One Response to “Ma tu pensa”

    1. Carlo Says:

      Se può servire, anche io avevo la fermissima intenzione di non andare a votare al referendum sull’art. 18, poi invece ho votato (no). Tutto sommato non costa niente perdere quei cinque minuti al seggio sotto casa.

    Leave a Reply