< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/07/2005

    I nuovi classici

    Filed under: — JE6 @ 21:20

    Non ho un giudizio su Live8. Nè in termini artistici, nè in termini socio-politico-economici. Mi limiterò a dire che ho sentito gli Who, e vi ho trovato tanta energia quanta gli sbarbatelli del Duemila non potranno mai avere in tutta la loro vita (mi dicono che hanno suonato Le Vibrazioni; ah beh, allora). E so anche che a mezzanotte, quando ho sentito l’attacco di Breathe, e poi quello di Money, e quello di Wish You Were Here, e i due assoli di Comfortably Numb, beh, ho realizzato che il più grande gruppo della storia della musica (affanculo i Beatles, che sia chiaro) era lì sul palco, e stava suonando, e noi eravamo come quelli che duecento anni fa si trovavano di fronte a Beethoven o Mozart.