< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/07/2005

    In difesa

    Filed under: — JE6 @ 22:25

    Ezio Mauro, su Repubblica, si chiede (un po’ come tutti, direi) “come difendiamo le nostre democrazie sotto attacco?”.
    Credo che la risposta stia nell’articolo di Thomas Friedman di cui ieri riportavo una parte: l’occidente viene difeso da noi che ci viviamo, ma in primis dai mussulmani – nel loro stesso interesse. Se loro difendono se stessi (isolando i Bin Laden, per dire), difendono anche noi. Certo, noi gli (e ci) daremo una mano se ci eviteremo le protervie bushiane, se eviteremo di dare soldi a dittatori di parecchio dubbia moralità, se ci comporteremo, insomma, come davvero ci dovremmo comportare. Bene. Insomma, difenderemo Milano e Monaco, Parigi e Copenhagen, San Francisco e Tokio solo se quelli che oggi molti tra noi considerano come nemici – i mussulmani – lo faranno per conto nostro, benchè nel loro interesse. Non è facile accettare quest’idea, quando si cresce nel culto dell’onnipotenza occidentale, alimentata da denaro, armi, tecnologia, democrazia, cultura. Ma, d’altra parte, come si dice: se non li puoi battere, unisciti a loro.
    Repubblica, via Wittgenstein