< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • July 2005
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    18/07/2005

    Brand: new

    Filed under: — JE6 @ 17:50

    Mario Segni lancia un nuovo movimento politico.
    Repubblica.it

    Curre curre guaglio’

    Filed under: — JE6 @ 11:55

    Chi segue il ciclismo (anche senza arrivare ai livelli di idolatria di certi blogger di nostra conoscenza), avrà sentito parlare della disavventura giudiziaria di Dario Frigo, ciclista italiano già incappato nelle maglie dei controlli antidoping qualche anno fa, e nuovamente pescato a fare uso di sostanze vietate – con la fattiva collaborazione della moglie (nella buona e nella cattiva sorte, insomma).
    Lasciando da parte i dettagli di cronaca, è piuttosto interessante notare come gli stessi soggetti che rendono ben chiara tutta la loro riprovazione nei confronti del reprobo (uno per tutti, il telecronista RAI Auro Bulbarelli) non si facciano alcuno scrupolo nel celebrare le fantasmagoriche medie di percorrenza del Tour di quest’anno (e non che l’anno scorso, e quello prima, e quello prima ancora le cose fossero molto diverse). Per dire, la tappa di ieri, una cosa da sconciare qualsiasi fisico, con sei salite distribuite in duecentocinque chilometri (e con altri duemilaquattrocentoventi chilometri alle spalle), con il sole che picchiava duro e il vento a dar fastidio, se la sono bevuta a oltre trentatre all’ora. L’intero Tour se lo sono pedalato a quarantaduevirgolatre, fino ad oggi. Capito? Frigo=delinquente; tutti-gli-altri=campioni-puliti-e-ben-allenati. Vabbeh.